Gold Cup: Costa Rica-Giamaica 2-2. La difesa perde colpi, la prova di Gonzalez

Gold Cup: Costa Rica-Giamaica 2-2. La difesa perde colpi, la prova di Gonzalez

Finisce 2-2 la partita d’esordio della Gold Cup 2015 della Costa Rica di Giancarlo Gonzalez contro la Giamaica. Il difensore del Palermo è stato schierato titolare dal tecnico Wanchope, ma non.

Commenta per primo!

Finisce 2-2 la partita d’esordio della Gold Cup 2015 della Costa Rica di Giancarlo Gonzalez contro la Giamaica. Il difensore del Palermo è stato schierato titolare dal tecnico Wanchope, ma non ha potuto impedire agli avversari di passare in vantaggio al 12′, quando un’incedibile disattenzione dell’altro centrale difensivo, Roy Miller, ha permesso a Garath McCleary di segnare di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La straordinaria organizzazione difensiva vista in Brasile è sembrata solo un ricordo, forse anche a causa del passaggio alla linea a 4, meno collaudata rispetto a quella a 3 del mondiale. I Ticos sono comunque riusciti a trovare il vantaggio già nel primo tempo, segnando con lo sciagurato Miller di testa al 32′, poi con Ramirez con un pregevole tocco sotto a scavalcare il portiere in uscita al 36′. A inizio ripresa ancora un’altra disattenzione clamorosa è costata la vittoria a Gonzalez e compagni. McAnuff è stato straordinario nel saltare nettamente prima Cubero e poi il solito Miller, prima di concludere con un tocco sotto misura da grande giocatore di calcetto che ha sorpreso il protiere Alvarado. Il finale di partita è stato sofferto per la Costa Rica, decisamente meno tonica fisicamente dei giamaicani, più allenati anche per via della recente esperienza in Copa America. Un’eventuale vittoria a sorpresa dei Raggae Boyz non sarebbe stata assolutamente un furto alla luce delle occasioni create.

LA PROVA DEL PIPO – Nel contesto di un reparto arretrato in affanno, Giancarlo Gonzalez ha offerto comunque una prova solida. Decisamente meglio del compagno di reparto Miller, autore delle topiche più clamorose. Di certo la condizione fisica dei due centrali non è sembrata eccellente, ma la speranza dei tifosi dei Ticos è che si tratti soltanto di un primo momento di empasse dovuto alla preparazione pre-torneo.

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO – La prova d’appello alle 3 della notte tra sabato e domenica (ora italiana) contro El Salvador. Non sarà una partita da dentro o fuori, perché dei tre gironi da 4 squadre vanno ai quarti le prime 2 più le due migliori terze, insomma, basta quasi non arrivare ultimi, un’impresa decisamente alla portata del Costa Rica giunto tra le prime 8 del mondiale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy