Giancarlo Gonzalez: “L’Honduras ha calciatori forti, speriamo di non subire gol”

Giancarlo Gonzalez: “L’Honduras ha calciatori forti, speriamo di non subire gol”

L’intervista al difensore del Palermo e della Costa Rica, Giancarlo Gonzalez: domani i ticos affronteranno l’Honduras nel match di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018.

1 Commento

Una partita dal valore inestimabile: in 90 minuti la Costa Rica può indirizzare nettamente l’accesso ai Mondiali di calcio di Russia 2018.

All’Estadio Francisco Morazano di San Pedro Sula, Giancarlo Gonzalez e compagni sfideranno l’Honduras di Jorge Luis Pinto che, fatalmente, è l’ex ct dei ticos (li condusse allo scorso Mondiale, in Brasile). Oggi sulla panchina dei centro-americani c’è Oscar Ramirez. “Il gruppo è maturo, si conosce, sappiamo cosa dobbiamo fare nei prossimo match, vale a dire nella sfida contro l’Honduras – ha analizzato alla vigilia il difensore del Palermo, il Pipo Gonzalez -: sarà una gara difficile, ma noi non abbiamo scuse, dobbiamo vincere per riscattare il ko dei giorni scorsi con il Messico. In campo saremo 11 contro 11, nessun risultato sarà scontato: sappiamo di dover dare il massimo di noi stessi sin dal fischio d’inizio dell’incontro“.

Gonzalez era molto legato, negli anni scorsi a Pinto, attuale ct onduregno. “Ero molto legato al precedente ct Jorge Luis Pinto? Beh, questo è il calcio. Lui ha avuto un grande passato qui nella Nazionale della Costa Rica, abbiamo lavorato bene assieme, l’ho apprezzato molto, però è un capitolo ormai chiuso: il presente dice che il ct è Oscar Ramirez e il mio unico pensiero è fare bene per il mio paese, quello che rappresento ogni volta che scendo in campo con questa fantastica maglia. E’ un orgoglio“, risponde Gonzalez.

“Il nostro percorso verso la qualificazione ai prossimi Mondiali? L’Hexagonal è una competizione dura, importante: il premio in palio è un biglietto per i prossimi Mondiali, quindi lotteremo fino alla fine perché noi in Russia vogliamo esserci. Attualmente – sottolinea il Piposiamo alla seconda posizione, un punto sotto il Messico”.

Ultima chiosa su come è stata preparata, dal punto di vista difensivo, la partita contro l’Honduras: “Noi – racconta Gonzalezsappiamo che l’Honduras ha molti calciatori veloci e potenti, che sanno come attaccar bene la profondità: dovremo stare concentrati e prestare massima attenzione ai dettagli. Speriamo di non subire gol“.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Emanuele Mascolino - 2 mesi fa

    Consiglierei al Pipo di starsene in panchina…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy