Croazia-Italia 1-1: azzurri bene a Spalato. Conte tiene fuori Vazquez

Croazia-Italia 1-1: azzurri bene a Spalato. Conte tiene fuori Vazquez

Allo Stadio di Poljud di Spalato l’Italia ha affrontato la Croazia padrona di casa in un match valido per la sesta giornata del girone h delle qualificazioni agli europei del 2016. In quello che.

Commenta per primo!

Allo Stadio di Poljud di Spalato l’Italia ha affrontato la Croazia padrona di casa in un match valido per la sesta giornata del girone h delle qualificazioni agli europei del 2016. In quello che è probabilmente l’incontro di cartello dell’intero girone è mancata la degna cornice di pubblico: si è, infatti, giocato a porte chiuse per la squalifica imposta dall’Uefa per i cori razzisti contro la Norvegia del 28 marzo scorso.

GOL ANNULLATO, GOL SUBITO – L’inizio croato è stato positivo, tanto da far presagire per un po’ un match sulla falsa riga di quello di San Siro della gara d’andata, quando i croati hanno a lungo assediato l’area di rigore italiana. L’ingenuità di Astori ha dato modo a Mandzukic di presentarsi davanti a Buffon per la più facile delle occasioni. Il centravanti dell’Atletico però si è fatto ipnotizzare dal portiere azzurro. Pochi minuti dopo l’Italia ha trovato con El Shaarawy il gol del vantaggio. Peccato che Atkinson abbia annullato per un fuorigioco inesistente. 20 secondi più tardi, mentre diversi azzurri ancora protestavano nella trequarti croata, gli uomini di Kovac hanno punito l’Italia in contropiede. Il gol di Mandzukic non ha demoralizzato l’Italia. La squadra di Conte, trascinata dall’ottimo Candreva, ha tenuto botta, rischiando soltanto in contropiede. Proprio il laziale ha pareggiato dal dischetto la sfida al 36′. Da lì in poi più Italia che Croazia, nonostante le difficoltà fisiche di diversi azzurri (fuori Buffon e De Silvestri per infortunio). Il risultato della Norvegia, fermata in una delle sfide sulla carta più semplici del girone, ha contribuito ad abbassare i ritmi e il punto accontenta entrambe le squadre.

TRIDENTE OK – Sul fronte tattico è stata una gara decisamente significativa per il corso azzurro di Antonio Conte, che per la prima volta ha schierato i suoi con un inedito 4-3-3. Candreva ed El Shaarawy al fianco di Pellè hanno creato numerosi grattacapi alla difesa croata, dimostrando come l’intuizione del ct pugliese sia da confermare in vista dei prossimi impegni. Solo panchina per Franco Vazquez, penalizzato anche dai cambi forzati che Conte ha dovuto utilizzare per i vari infortuni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy