Video, Fabio Caressa sul caos Sarri-Mancini: “L’allenatore del Napoli era un mito, ci ha deluso, ma non è un omicida”

Video, Fabio Caressa sul caos Sarri-Mancini: “L’allenatore del Napoli era un mito, ci ha deluso, ma non è un omicida”

L’analisi del direttore di SkySport24.

6 commenti

“Maurizio Sarri era un mito, ma ieri ha commesso un errore gravissimo. Non è un omicida, rispettiamolo, ha ammesso il suo errore, ma devo ammettere che si è scusato in maniera sbagliata”. Questa l’analisi di Fabio Caressa, noto telecronista e direttore di SkySport24. Mediagol.it vi propone il video.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ma smettetela falsi moralisti del cazzo durante il giorno quante volte lo dite a qualcuno meglio lui che il presidente federale o platini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvo da Bali - 1 anno fa

    Per me rimane un mito! Gli hanno dato del vecchio caz..ne e lui ha risposto con la prima cosa che gli è venuta in mente guardando Mancini. È un umano e se Mancini non fosse andato in tv come un bambino sarebbe rimasto tra di loro. Forse gli fa rabbia vedere un allenatore piu anziano di lui che fino a qualche anno fa allenava in provincia guadagnando un centesimo o forse meno di quanto guadagna lui e che sa far giocare bene le sue squadre e gli sta davanti in classifica senza peraltro aver chiesto al proprio presidente la luna e i monti come invece fa sempre lui con i suoi presidenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele Teresi - 1 anno fa

    Ho giocato a calcio tantissimi anni….qll che Ho detto e qll che ho subito nn ne avete idea!popolusti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cristian Ralli - 1 anno fa

    Un uomo di 60 anni che si mette a dare del frocio ad un collega è peggio di un bambino, non chi si offende!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Landolina - 1 anno fa

    Penso a come eravamo omofobi da piccoli quando davano del frocio al compagno alla scuola media

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dario Spano' - 1 anno fa

    Era un mito perché la stampa lo ha fatto diventare un mito

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy