De Laurentiis: “Koulibaly dovrà risarcirmi. Futuro Higuain? Il Pipita non ci tradirà”. Su Sarri-Gabbiadini…

De Laurentiis: “Koulibaly dovrà risarcirmi. Futuro Higuain? Il Pipita non ci tradirà”. Su Sarri-Gabbiadini…

Le dichiarazioni del patron azzurro.

1 Commento

“Dodici anni fa ho ereditato un pezzo di carta che avrei potuto chiamare in un qualsiasi altro modo. Sono partito da zero attraverso la serie C e le paludi di calciopoli. Siamo oggi tra i 17 club migliori d’Europa, tra i pochi con i conti a posto. Lascerei il club soltanto ai miei figli, qualora decidessi di lasciare”.

Parola di Aurelio De Laurentiis. È un’intervista-fiume quella rilasciata dal presidente del Napoli ai microfoni del ‘Corriere della Sera’. Diversi, infatti, i temi trattati dal patron azzurro: dalla situazione legata al futuro di Gonzalo Higuain, al sogno scudetto. “I tifosi chiedono lo scudetto? La Juventus ha un fatturato di 260 milioni superiore al nostro, ma torno a dodici anni fa e a come ho iniziato. Non ho mica ereditato il Napoli di Maradona. Siamo partiti da zero, in ogni caso ho applicato il fair play finanziario richiesto dalla Uefa. Siamo diventati così una società virtuosa – ha dichiarato De Laurentiis -, però da due anni chiudo il bilancio in rosso. E per l’anno prossimo, nonostante la Champions, perderò dieci milioni. Sono le riserve accumulate negli ultimi anni a compensare queste perdite. Voglio vincere lo scudetto, anche la Champions e lo faremo. Ma non tutti sanno che è grazie alle riserve accumulate che il calcio Napoli non è fallito in una città che ti regala pochissimo, se non l’amore dei tifosi”.

Futuro Higuain – “È un ragazzo giovane e ha una famiglia che crede in valori sani. Finora non ho ricevuto alcuna offerta del valore della clausola (94 milioni, 375 mila euro). Ammesso e non concesso che ci sia una società che offra questi soldi, lui sa perfettamente che se pure altrove guadagnasse un po’ di più, non avrebbe la stessa ribalta. Maradona è entrato nella storia del calcio mondiale grazie a Napoli. Se Higuain ascoltasse le sirene europee dovrebbe mettere in conto che in certi contesti se funzioni giochi, ma se sbagli nessuno ti aspetta. A quel punto le uniche chance sono l’America e la Cina. Ho la sensazione che il Pipita non ci tradirà”.

Insigne e l’Europeo – “Lo ha meritato. Purtroppo credo che giocherà poco, Conte preferirà mettere in campo giocatori più vecchi. Se fosse per me, vorrei vederlo in campo sempre”.

Sarri – “Una scelta ragionata e maturata dopo averlo incontrato. Ricordo ancora quando mi disse: presidente, perderemo le prime sette partite. Io feci una risata. Lui sorrise in maniera ammiccante. Lì nacque l’intesa. E l’ho difeso sempre. Purtroppo c’è la cattiva abitudine che quando si vince, vincono tutti. Quando si perde poi la colpa è solo mia”.

Koulibaly – “Evidentemente non ha letto bene i suoi contratti. Non mi riferisco a quelli da dipendente, ma alla cessione dei diritti di immagine. Da due giorni ricevo telefonate di aziende con le quali negoziamo per ulteriori attività che avrebbero coinvolto anche Koulibaly. Milioni e milioni di euro di cui dovrà risarcirmi”.

Gabbiadini – “Purtroppo ha avuto un infortunio, è stato fermo due mesi. E Sarri non ha avuto la possibilità di utilizzarlo più a lungo. Mi piacerebbe che tra i due, persone perbene, si stabilisse una maggiore sintonia”, ha concluso il patron.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 7 mesi fa

    Non ci somiglia a mz che quando i giocatori dicono di volersene andare è cuntientu

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy