Napoli, Sarri sr: “Spostava in ‘campo’ le figurine, da luglio l’ho visto mezza giornata”

Napoli, Sarri sr: “Spostava in ‘campo’ le figurine, da luglio l’ho visto mezza giornata”

Parla Amerigo Sarri, padre dell’allenatore del Napoli, Maurizio.

Commenta per primo!

Intervenendo ai microfoni di TMW Radio, Amerigo Sarri, padre di Maurizio Sarri, ha rivelato alcuni retroscena sul figlio, allenatore del Napoli.

“Il ciclismo è lo sport di famiglia, lui lo ha sempre avuto nel sangue e ha corso anche da Esordiente. Però, più che da ciclista, più che da giocatore, ha sempre avuto il pallino da allenatore. Spostava in ‘campo’ le figurine, però non avevano i nomi dei giocatori ma dei politici. Bucciarelli Ducci, Presidente della Camera, era un portiere!”, dice Sarri sr.

O la panchina o la banca – “A Monte San Savino portò il club in C, doveva fare una scelta: o la panchina o la banca e scelse il cuore. Quando allenava allo Stia, la sua prima squadra, lavorava a Firenze: la sera prendeva la macchina per il Casentino, con tanto di salite. Tornava a casa tra le due e le tre, faceva le salite con la neve… E’ stato uno scalatore, anche di classifiche. Il suo record da Terza Categoria a Serie A resterà imbattuto“.

Napoli – “Scelte sue, ci mancherebbe. Da luglio l’ho visto mezza giornata, a casa lo vedo pochissimo. Lui è nato a Napoli perché lavoravo là, poi ha cominciato a parlare bergamasco quando mi trasferirono. Lui mi chiamava ‘papà’, io gli dicevo ‘no, si dice babbo’. Alla fine era ‘bapà’“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy