Napoli, De Laurentiis: “Mercato da 150 milioni, ne ho rifiutati 50 per Koulibaly. Gabbiadini incedibile, Milik diverso da Higuain”

Il patron azzurro ha tracciato un bilancio sul mercato in entrata del Napoli.

Commenta per primo!

L’addio di Higuain, la falsa partenza contro il Pescara e la rinascita contro il Milan, questo Napoli ha tante facce.

Il mercato si è concluso alle 23 di ieri sera (31 agosto ndr), gli azzurri sono stati protagonisti di questa sessione sia per quanto riguarda le cessioni – vedi proprio Higuain -, sia per quanto concerne gli acquisti. Sono arrivati Milik, Diawara, Zielinski e ultimo Maksimovic, giocatori di grande talento che rinforzeranno i diversi reparti in vista anche del ritorno in Champions League. Il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, ha tracciato un bilancio sul mercato del club partenopeo. “I cartellini sono costati di più di 115 milioni, si arriva a circa 130 milioni anche attraverso i bonus facilmente raggiungibili. Inoltre abbiamo dovuto innalzare gli stipendi di molti calciatori, quasi 20 milioni. Questo mercato è costato circa 140-150 milioni. A me non piace parlare di numeri, pensiamo a quanto ci siamo rafforzati. In prospettiva siamo la squadra che si è rafforzata di più, Sarri ha un materiale umano importante. Koulibaly? Il Chelsea è arrivato ad offrire 50 milioni, ma andrà via per la Coppa d’Africa che inquina i campionati nazionali ed è un’altra boiata della Fifa. Per questo ci siamo voluti rafforzare con Tonelli e Maksimovic, che è un nostro pupillo da 24 mesi. Gabbiadini? E’ incedibile, ha trovato una sintonia con Sarri e siamo convinti che il nostro tecnico possa farlo rendere sempre di più. I giocatori devono capire che quando una squadra si rafforza ci sono più giocatori a disposizione, quindi non devono abbattersi se giocano di meno. Io credo che c’è tanto provincialismo e ignoranza nel mondo del calcio, tanto che ad un certo punto ne avevo le scatole pieno. Come si fa a valutare il valore di un calciatore in base al minutaggio? Allora non ci rompete le scatole e lasciateci lavorare. Non create dubbi e scuse a Sarri. Milik?Non paragoniamolo a Higuain, lavoriamo tutti per tutti”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy