Higuain: “Il destino ci deve una Copa America. Messi? Quale attaccante non vorrebbe giocare ogni giorno con lui?!”

Higuain: “Il destino ci deve una Copa America. Messi? Quale attaccante non vorrebbe giocare ogni giorno con lui?!”

Le parole del centravanti del Napoli e della Nazionale Argentina a pochi giorni dalla finale di Copa America.

Commenta per primo!

Argentina in finale: nella notte tra domenica 26 e lunedì 27 giugno si ripeterà il match che ha concluso la scorsa edizione della Copa America, l’avversario sarà ancora il Cile. Non più di Sampaoli, ma del successore Pizzi.

Protagonista assoluto della competizione quel Leo Messi che ha battuto il record di goal con la maglia Albiceleste di Gabriel Omar Batistuta. Al fianco della Pulce del Barcellona, Gonzalo Higuain, già autore di quattro reti, a meno due dal capocannoniere attuale della competizione, Edu Vargas. “Penso che il destino ci debba una Coppa e adesso l’abbiamo nel palmo della mano – ha spiegato Higuain in un’intervista a Goal.com -. Quindi spero che questa volta non avrà scampo. Coi compagni parliamo di questa finale, è chiaro. Giocare un’altra finale non è facile. Ogni volta cerchiamo di ottenere qualcosa, questo gruppo, per le persone che ci fanno parte, lo merita”.

Messi – “Leo ha detto che darebbe 5 Palloni d’Oro per una Coppa? Palloni d’Oro io non ne ho da dare, ma sarebbe bello diventare campione (ride, ndr). Mi sta assistendo al meglio, Leo. Quanto sarebbe bello giocare con lui ogni giorno? Credo che vorrei giocare tutte le partite con Messi. Chi non vorrebbe giocare con qualcuno che ti mette sempre davanti al portiere o, a volte, ti serve anche a porta vuota, senza il portiere?!“.

Digiuno – “All’inizio della competizione non riuscivo a segnare? Sì, ma sono sempre rimasto tranquillo. Quando non riuscivo a segnare in questa Coppa, comunque abbiamo vinto, e quello è l’importante. E quando non fai gol, devi collaborare attraverso il gioco o tramite il pressing e io l’ho fatto! – ha aggiunto -. E’ stato facile battere gli Stati Uniti? Lo abbiamo reso noi facile, che non è la stessa cosa di dire che l’avversario è facile da battere. Sono una squadra molto forte fisicamente”.

La finale – “Come si dorme la notte prima di una partita così importante? Sono sempre ansioso. Non tutti hanno questa fortuna, e noi abbiamo un’altra possibilità. E’ importante per riposare. Ma a volte è molto difficile a trovare il sonno nella notte prima di una finale”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy