De Laurentiis: “Sarri mi farà divertire, Tavecchio pensa solo alle rielezioni. Mercato? Difficile migliorare questa squadra”

De Laurentiis: “Sarri mi farà divertire, Tavecchio pensa solo alle rielezioni. Mercato? Difficile migliorare questa squadra”

L’intervista al presidente dei partenopei: “Quell’incidente di Higuain in Napoli-Udinese ci ha un po’ frastornato. Non fosse capitato, avremmo vinto probabilmente lo scudetto. Speriamo che nel futuro tutto ciò non si debba ripetere”.

Commenta per primo!

Una stagione già archiviata, ma da cui il Napoli trae importanti insegnamenti.

La seconda posizione è un grosso passo in avanti nell’ambito del progetto pluriennale di Aurelio De Laurentiis, la cui prima mossa per il 2016-17 è stata soddisfare l’allenatore con un contratto più lauto: il rapporto tra Sarri e i partenopei non era in scadenza, ma il numero uno del club azzurro ha voluto ugualmente appagare il proprio mister, per la bontà del lavoro svolto fin qui. “Maurizio e sua moglie sono due persone squisite – racconta De Laurentiis a Premium Sport -. Lui è talmente concentrato e scaramantico che è difficile frequentarlo. Difficile trascinarlo al di fuori di quello che è il suo mondo. Lo rispetto. E’ così e a me va bene. Sul campo vince, è forte, e a me va bene così: non si può avere tutto dalla vita – sorride il patron azzurro -. Quest’anno vogliamo onorare tutte le competizioni. Sarri ci farà divertire e ne combinerà delle belle, più di quanto abbia già fatto”.

Ufficialmente non è ancora cominciato, ma è già tempo di calciomercato. “Difficile migliorare una squadra che ha giocato bene questo campionato. Faremo degli innesti perché con Champions e campionato servono una ventina di giocatori su cui puntare. Il nostro allenatore si deve abituare a più competizioni. Quest’anno vogliamo onorare Champions League e Coppa Italia. Se avessimo avuto più tempo per preparare il campionato, con un po’ di fortuna in più, anche senza vincere su Juve e Roma, magari avremmo vinto lo scudetto quest’anno – si rammarica De Laurentiis -. Quell’incidente di Higuain in Napoli-Udinese ci ha un po’ frastornato. Speriamo che nel futuro tutto ciò non si debba ripetere. Tutti si sono ambientati e si è trovato ormai l’equilibrio. Difficile migliorare una squadra del genere”.

Spazio anche per parlare della Nazionale e di Lorenzo Insigne che oggi compie 25 anni. “Tanti auguri ad Insigne. Farà sicuramente bene. Non posso sapere cosa può fare l’Italia. Il modulo 3-5-2 è forte per la Nazionale, ma non buono internazionalmente parlando. Conte credo sia proprio un fedelissimo di questo modulo. Anche se, diciamoci la verità, questi moduli esistono e non esistono. La squadra vincente, il mister capace, si adattano all’avversario. Si cambia in continuazione per vincere. A me piacerebbe che l’Italia trovasse uno stimolo per fare gioco divertente, perché in campo ci si deve divertire – sottolinea -. E’ un po’ negativo fossilizzarsi sul 3-5-2, perché non permette a tutti i calciatori italiani di poter far affermare i propri talenti. Ci sarebbe bisogno di una regola di Tavecchio, ma lui pensa solo alle sue rielezioni – ha aggiunto -. Il mio Napoli è sempre stato portatore di un calcio internazionale. Abbiamo sempre avuto giocatori impegnati nelle rispettive Nazionali. Anche qui Tavecchio sbaglia: libertà assoluta nei vivai delle squadre di Serie A, perché noi ci dobbiamo limitare? Faccio un appello a Tavecchio: bisogna rimodernarsi, nei tuoi 70 anni devi sentirti anche un po’ ventenne”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy