Ag. Zaza ammette: “Avevamo un accordo col Napoli, poi Giuntoli è sparito. Simone avrebbe vestito volentieri l’azzurro”

Le parole del padre e agente di Simone Zaza, ora in forza al West Ham.

Commenta per primo!

“Simone a Torino stava bene, ma aveva deciso di cambiare aria perché consapevole di essere destinato a trovare pochissimo spazio in bianconero. E il suo desiderio era giocare di più”.

Lo ha detto Antonio Zaza, intervistato ai microfoni di TuttoNapoli. Il padre e agente dell’attaccante ora in forza al West Ham è tornato a parlare dell’interesse del club partenopeo nei confronti del figlio.

“Cè stato un forte contatto coni partenopei, dopodiché non si sono fatti più sentire, e non ci hanno nemmeno spiegato il motivo. Grazie a Dio avevamo l’imbarazzo della scelta e c’era la proposta importante del West Ham, un grande progetto. Con Giuntoli ci siamo incontrati a casa nostra, a Torino. Parlammo quattro ore, forse anche di più. Un colloquio molto garbato: avevamo trovato l’accordo su tutto e ci saremmo dovuti sentire un giorno, al massimo due giorni dopo, ma non si sono fatti più sentire. Sono spariti – ha dichiarato il padre e agente di Simone Zaza -. Non ho problemi a dire che la sua proposta fu anche molto importante: tre milioni e mezzo più ulteriori bonus, queste erano le cifre garantiteci dal direttore. Poi, però, non si è fatto più vivo. Da quello che so la Juventus non era entusiasta di cederlo agli azzurri, che però avevano avanzato una proposta ufficiale ai bianconeri. Non conosco le cifre, ma so con certezza che se il Napoli avesse voluto, lo avrebbe preso. Il giocatore, inoltre, avrebbe chiarito alla dirigenza torinese che il suo desiderio era vestire l’azzurro. Una soluzione si sarebbe trovata, evidentemente avranno fatto altre scelte, ma i motivi non li conosciamo. Non ci sono stati spiegati. Se Simone ci è rimasto male? A livello umano sì, perché aspettavamo almeno una risposta, invece niente. Simone non ha mai rifiutato Napoli, questo deve essere ben chiaro. Avrebbe indossato più che volentieri la maglia azzurra, che nessuno pensi il contrario”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy