Milan-Juventus, l’addio al veleno di Higuain: tutta la verità sul divorzio tra il Pipita e la Vecchia Signora…

Milan-Juventus, l’addio al veleno di Higuain: tutta la verità sul divorzio tra il Pipita e la Vecchia Signora…

Higuain contro la Juventus, per un faccia a faccia con CR7: il Pipita vuole far male ai bianconeri

Poco più di 24 ore e sarà Milan-Juventus.
La sfida, valida per la dodicesima giornata del campionato di Serie A, vedrà tra i protagonisti assoluti, Gonzalo Higuain, che nel corso della sessione estiva di calciomercato ha lasciato Torino per recarsi a Milano, alla corte di Gennaro Gattuso.
Per la prima volta, duque, il Pipita si ritroverà contro i bianconeri, per un faccia a faccia con CR7: la goccia che ha fatto traboccare definitivamente il vaso tra l’argentino e la Vecchia Signora, anche se qualcosa si era  incrinato ben prima che il club di Andrea Allegri mettesse in piedi l’affare del secolo, acquistando Cristiano Ronaldo: il divorzio, infatti, era già stato dedico nella notte della finale di Coppa Italia, con Higuain che rimuginava in panchina e Massimiliano Allegri che, invece, scherzava a fine partita.
Probabilmente, i vertici bianconeri si aspettavano dal classe ’87 un rendimento più efficace e decisivo soprattutto nelle partite importanti, ma a livello internazionale erano poche le prestazioni eccellenti e, soprattutto, trascinanti dell’ex Napoli, motivo per cui la Juventus, considerato anche il maxi ingaggio, avrebbe deciso di fare a meno di Higuain, e tuffarsi a capofitto nella folle operazione che ha visto il fenomeno portoghese lasciare il Real Madrid di Florentino Perez per indossare la casacca bianconera.
Il Pipita, che ha saltato il match di Europa League contro il Betis Siviglia per un problema alla schiena accusato nel corso della gara contro l’Udinese, a San Siro ci sarà: si è allenato regolarmente e scenderà in campo dal primo minuto, con l’obiettivo di far male agli uomini di Massimiliano Allegri.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy