Foschi: “Troppi 28 mln per Kessie? Ricordo quando Palermo ha ceduto Dybala-Belotti. I dubbi sull’età…”

Foschi: “Troppi 28 mln per Kessie? Ricordo quando Palermo ha ceduto Dybala-Belotti. I dubbi sull’età…”

Le parole del dirigente del Cesena che nel 2015 prelevò Kessie in prestito dall’Atalanta.

Commenta per primo!

Un inizio di mercato scoppiettante per il Milan che dopo aver acquistato Musacchio, ha prelevato in prestito biennale con obbligo di riscatto a 28 milioni di euro dall’Atalanta.

Sull’ivoriano classe ’96 ha parlato quest’oggi il dirigente del Cesena, Rino Foschi, che lo accolse in prestito in Romagna nel 2015. “Kessie è un ragazzo eccezionale, si è messo a disposizione. E’ arrivato ed era già un giocatore importante a mio avviso, perché aveva già fatto 4 partite nella nazionale maggiore ivoriana. E’ da Milan“, ha detto a MilanNews Foschi.

E’ costato 28 milioni di euro? Quando Gagliardini è andato all’Inter sappiamo cos’è stato detto, così come quando Caldara è andato alla Juventus. Quando Romagnoli è andato al Milan, anche. L’euro non è la lira e si fa presto a far le cifre grosse – aggiunge Foschi -. E’ una cifra importante. Quando si era trasferito Dybala alla Juventus dal Palermo per 30 milioni di euro più bonus si era parlato di una follia e ora sappiamo il valore di Paulo. Belotti è stato acquistato dal Torino per 8 milioni e si diceva che fosse esagerato, oggi ha una clausola da 100 milioni. L’asta per Kessie dipende dalle richieste che c’erano sul ragazzo, così come questi 3-4 milioni in più che il Milan va a pagare. Non è una tragedia comprare un giocatore come Kessie pagandolo qualcosa in più per vincere un’asta che è partita da lontano perché era voluto non solo in Italia ma anche all’estero”.

Ultima chiosa sui dubbi sull’età di Kessie: “Cosa penso delle insinuazioni sull’età di Kessie, che sarebbe maggiore di quanto sia scritto nei documenti ufficiali? Kessie è da tre anni che gioca in Italia a livelli importanti quindi ha sostenuto diverse visite mediche e controlli in questo periodo. Sono voci che fanno purtroppo parte del malcostume tipico del mondo del calcio fatto di invidie e cattiverie. Mi ricorda un po’ la storia della volpe, che non riuscendo a raggiungere l’uva perché troppo in alto, dice che è acerba. Con Kessie uguale, il Milan ha vinto la concorrenza di tante squadre, ha fatto un bel colpo per me. Con un giocatore di colore è molto di moda fare questi discorsi sull’età. Anche con Diawara del Napoli era stato fatto questo discorso. E’ un’etichetta che gli viene affibbiata. Io Kessie lo conosco molto bene, per tante cose è un ragazzino”, ha risposto Foschi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy