Lazio: alta tensione ieri a Norcia, duro confronto ultrà-squadra. I dettagli

Lazio: alta tensione ieri a Norcia, duro confronto ultrà-squadra. I dettagli

Ieri la contestazione è arrivata nella sede del ritiro.

Commenta per primo!

Non c’è pace in casa Lazio.

Ieri pomeriggio, la contestazione dei tifosi biancocelesti ha raggiunto il ritiro di Norcia. Una decina di ultrà hanno interrotto l’allenamento pomeridiano: mentre i giocatori svolgevano gli esercizi di riscaldamento – informa ‘La Gazzetta dello Sport’ – è scattata la richiesta da parte degli ultrà per tutta la squadra di recarsi sotto la rete di recinzione del campo. E Inzaghi ha fermato la seduta. Tutto il gruppo è andato a sentire quei tifosi, con loro anche il tecnico e Tare. Un confronto acceso e serrato, toni duri. In prima fila, i veterani del gruppo: Biglia, Candreva, Gentiletti, Marchetti e Parolo. Un passo indietro, Klose e Cataldi; e una pattuglia delle Forze dell’ordine a sorvegliare la situazione per evitare che potesse degenerare. Alla squadra è stato chiesto un maggiore attaccamento alla maglia e un finale di stagione dignitoso. “Avete ragione, abbiamo fatto una stagione ridicola”, le parole pronunciate da Candreva. Da parte dei calciatori è stato assicurato il massimo impegno, a partire dalla prossima gara contro il Palermo. Il confronto è durato circa un’ora, poi la Lazio ha ripreso il suo allenamento.

Leggi anche: Palermo: venti ultrà a Boccadifalco, c’è l’ultimatum ai giocatori. Intanto la vendita dei biglietti…

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy