Maresca: “I modi dittatoriali con cui la Triade di Moggi mi mandò via dalla Juve”

Maresca: “I modi dittatoriali con cui la Triade di Moggi mi mandò via dalla Juve”

Il centrocampista ha ripercorso le modalità un po’ brusche con cui la dirigenza bianconera lo vendette al Siviglia.

Commenta per primo!

Enzo Maresca ha ripercorso alcuni dei momenti salienti della sua carriera nell’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport.

Il regista ha raccontato il giorno del suo passaggio al Siviglia. “Ero in ritiro con la Juve a Salice Terme quando alle 23 mi chiamarono al telefono per dirmi di andare in sede la mattina dopo perché mi avevano venduto. Il nome della squadra però non vollero dirmelo! Così il mattino dopo trovai in una stanza Moggi, Bettega e Giraudo che mi comunicarono la notizia, dicendomi di entrare nella sala accanto dove c’erano i miei acquirenti. I modi, come dire, erano un po’ dittatoriali. Comunque entrai e scoprii che il Siviglia cercava proprio uno come me. E quel trasferimento fu la mia fortuna”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy