Juventus, Jorge Mendes allo Stadium: l’agente di CR7 incontra Paratici. Il motivo…

Juventus, Jorge Mendes allo Stadium: l’agente di CR7 incontra Paratici. Il motivo…

L’agente dell’asso portoghese ieri sera si trovava allo Stadium in occasione della sfida contro l’Udinese: ecco il motivo…

Quattro a uno. E’ questo il risultato maturato ieri sera all’Allianz Stadium.

Una vittoria, quella conquistata dalla Juventus contro l’Udinese di Davide Nicola, centrata grazie alle reti siglate nel primo tempo dal giovane talento classe 2000 Moise Kean e nella ripresa da Emre Can (dal dischetto) e Blaise Matuidi. Chi non è sceso in campo in occasione della sfida valida per la ventisettesima giornata del campionato di Serie A è, invece, Cristiano Ronaldo. Una scelta, quella di Massimiliano Allegri, presa considerato il prossimo impegno.

Martedì sera, infatti, la compagine piemontese affronterà fra le mura amiche l’Atletico Madrid, nella gara valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Una sfida da dentro o fuori. Intanto, il procuratore dell’asso portoghese, Jorge Mendes, dopo l’incontro della scorsa settimana con la dirigenza bianconera, era presente ieri sera allo Stadium per assistere alla partita.

Il motivo? Il noto agente avrebbe incontrato Fabio Paratici per parlare della situazione relativa al futuro di Joao Felix. Il club di Andrea Agnelli sarebbe interessato proprio al giovane esterno offensivo classe ’99 di proprietà del Benfica, che può già contare su un numero esoso di estimatori (tra i quali le due squadre di Manchester). Il ragazzo, però, ha una clausola di 120 milioni di euro che la società non sarebbe disposta a pagare.

Ciò nonostante, Mendes avrebbe confermato la volontà del giocatore di vestire la maglia bianconera. Per questo motivo, considerata la corsia preferenziale e l’ottimo rapporto tra le parti dopo gli affari Cancelo-CR7, la Juventus vorrebbe provare ad anticipare la concorrenza, intavolando in tempi brevi una trattativa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy