Juventus, ecco il Monaco: ci sono gli ex Palermo Raggi e Glik. Quel gol al 90’… VIDEO

Juventus, ecco il Monaco: ci sono gli ex Palermo Raggi e Glik. Quel gol al 90’… VIDEO

I due ex Palermo sono tra i pilastri del Monaco che sta stupendo in Champions League: i francesi di Jardim affronteranno la Juventus in semifinale.

Commenta per primo!

Sorteggio fortunato. Inutile nascondersi dietro la retorica: la Juventus ha pescato la squadra meno forte delle tre presenti nelle urne a Nyon.

Evitato il pericolo Real Madrid, scansata anche la mina vagante Atletico del Cholo Simeone: in semifinale i bianconeri di Massimiliano Allegri sfideranno il Monaco di Jardim. Una squadra gradevole, un bel gruppo in cui c’è il giusto mix tra giovani e più esperti: Mbappé (18enne rivelazione del torneo) da una parte, Andrea Raggi e Kamil Glik (62 anni in due) dall’altra. Questi ultimi due, entrambi ex Palermo, conoscono bene la Juve, avendola affrontata per ben dieci volte in carriera.

Kamil Glik e Andrea Raggi
Kamil Glik e Andrea Raggi

Una vittoria ciascuno e tante sconfitte contro i bianconeri per Glik e Raggi. Il ricordo più dolce di Raggi legato alla Juve risale all’8 dicembre 2011. In Coppa Italia, allo Stadium, il suo Bologna sta perdendo per 1-0 contro i padroni di casa allenati da Antonio Conte. Calcio d’angolo sotto la curva bianconera, anche Agliardi in area a saltare, e Raggi incorna perfettamente di testa. 1-1 e tempi supplementari.

Al 102′ ci penso Marchisio a rompere il sogno felsineo, ma Raggi mantiene vivo quel dolce ricordo.

Così come Kamil Glik ricorda volentieri il derby della Mole del 26 aprile 2015: dopo 20 anni la prima vittoria granata nella stracittadina contro la Juventus di Allegri. Nel 2-1 finale segnarono Andrea Pirlo, Fabio Quagliarella e Matteo Darmian… altro ex Palermo. In quella circostanza Glik era il capitano del Toro.

Finisce l’era Zamparini a Palermo: da Darmian a Emerson, gli 8 calciatori incompresi dall’ex presidente

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy