Milan-Inter, Bergomi sul caso Icardi: “Ecco cosa deve fare Maurito per il bene della squadra”

Milan-Inter, Bergomi sul caso Icardi: “Ecco cosa deve fare Maurito per il bene della squadra”

Le dichiarazioni di Beppe Bergomi sull’interminabile caso Icardi

Il caso Icardi continua a tenere banco in casa Inter.

Beppe Marotta, infatti, ha più volte incontrato l’attaccante argentino e Wanda Nara, moglie-agente del classe ’93, con l’obiettivo di provare a mettere da parte tutti i problemi che nell’ultimo periodo hanno deteriorato l’equilibrio tra il giocatore e il club, ma il rapporto tra il centravanti argentino e il club nerazzurro sembra essere ancora compromesso.

Gli incontri, però, non sono stati risolutori, dunque, serviranno altri passi avanti nei prossimi giorni. Ma prima che il numero 9 nerazzurro, che non scende in campo da circa un mese, ufficialmente per un problema al ginocchio destro, possa tornare a dare una mano alla squadra è necessario che lo stesso riesca a sciogliere qualche importante nodo: tra cui il rapporto con i compagni e l’intesa con il tecnico Luciano Spalletti, che in un momento così delicato della stagione vorrebbe ritrovare i gol del suo ex capitano.

Milan-Inter, è rivoluzione in casa nerazzurra: Spalletti fino a giugno, poi la rifondazione. Icardi e Perisic…

La sensazione è che la prossima settimana, approfittando della sosta per gli impegni delle Nazionali, potrebbe esserci un incontro risolutore tra l’entourage dell’ex capitano, obiettivo di mercato della Juventus per la prossima stagione, e la stessa società nerazzurra.

Sulla delicata situazione, si è espresso Beppe Bergomi, che intervenuto ai microfoni di Sky Sport, ha espresso la propria opinione a poco più di 24 ore dal derby contro il Milan: “Il giocatore vorrebbe le scuse e la fascia, la società non molla giustamente. Il club si è preso dei rischi tecnici ed economici, ma la serietà sta nell’andare fino in fondo: l’Inter ha voluto dare un segnale di cambiamento. Tornando a Icardi, penso che se vuole dimostrare di voler bene alla squadra, deve andare in campo e aiutare. I compagni fanno fatica a riportarlo in squadra – ha concluso –“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy