Bonolis: “Casting Inter? Basta che non sceglie Fedez. De Boer? Mi ha fatto ridere quando…”

Bonolis: “Casting Inter? Basta che non sceglie Fedez. De Boer? Mi ha fatto ridere quando…”

Le parole del conduttore di fede nerazzurra: “A me piacciono Pioli e Reja. Marcelino ha fatto un miracolo in Spagna, ma lì è un calcio diverso”.

Commenta per primo!

Paolo Bonolis, conduttore di dichiarata fede interista, è intervenuto durante il Sunday Morning di SkySport24, condotto da Stefano Meloccaro.

“Cosa ne penso del casting di Suning per l’allenatore dell’Inter? Basta che non sceglie Fedez“, esordisce ridendo. “Io non so cosa rappresenti questo casting. Spero che questi colloqui possano portare la società a scegliere un allenatore che utilizzi al meglio il materiale attuale. Prendere un tecnico in attesa di un altro allenatore per l’anno prossimo mi ricorda un po’ la tela di Penelope: fare e disfare in vista dell’arrivo di Ulisse non ha senso“.

SFORTUNA – “Stefano Vecchi è un eccellente uomo e allenatore. Appena arrivati, non è semplice. E’ pure vero che all’Inter per ora non va bene niente. Col Cagliari abbiamo perso per uno sfortunato autogol, col Palermo abbiamo pareggiato per una sfortunatissima deviazione di Santon su Rispoli. Secondo me l’Inter dovrebbe giocare con un difensore in più, quello che è il segreto della Juventus, peraltro, che è la squadra più difensivista d’Italia. E poi bisognerebbe anche evitare di lasciare da solo Icardi che sembra Cast Away“.

REJA E PIOLI – “Vincenzo Montella poteva essere l’ideale? L’ideale sarebbe stato lui, ma chiunque. L’importante adesso è costruire adesso per la prossima stagione. A me piacciono Pioli e Reja. Marcelino ha fatto un miracolo in Spagna, ma lì è un calcio diverso. L’Inter merita un allenatore che conosca bene il territorio: un tecnico straniero potrebbe essere nella stessa situazione di De Boer. Mettere qualche rattoppo sin da subito non sarebbe male: l’Inter, qualche giocatore interessa, ce l’ha. Mi ha fatto molto ridere quando De Boer ha detto ‘Gabigol non gioca perché non ha ancora capito il calcio italiano’. Da che pulpito arriva la predica“.

LOTTA SCUDETTO – “Il campionato? Io credo che Napoli, Roma, Torino, Fiorentina e Lazio daranno molto filo da torcere alla Juventus che ha un obiettivo importante nella capoccia, cioè vincere la Champions. Questo potrebbe distrarla un po’. La Juventus è forte, ma non solo perché ha giocatori forti, ma soprattutto perché ha la mentalità vincente… quella che manca all’Inter“, ha concluso Bonolis.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy