Hellas Verona: petardo e vernice contro Leandro Greco, arriva la nota del club

Hellas Verona: petardo e vernice contro Leandro Greco, arriva la nota del club

Il centrocampista dei gialloblù vittima di un atto su cui indagano i carabinieri.

Commenta per primo!

Atto intimidatorio o uno scherzo?

Non si è fatta ancora chiarezza su quanto avvenuto stanotte davanti alla residenza di Leandro Greco, calciatore dell’Hellas Verona. Prima un petardo esploso davanti alla sua villetta a schiera, poi una scala di Cangrande – simbolo della società veronese – dipinto con la vernice sulla carrozzeria della sua automobile. L’ex Roma ha subito avvertito i carabinieri di Peschiera del Garda che indagano sull’accaduto.

Intanto il club degli scaligeri si fa sentire sulle pagine del proprio sito ufficiale.

L’Hellas Verona FC stigmatizza con forza quanto accaduto nella notte ai danni dell’auto del calciatore Leandro Greco. Il club esprime solidarietà al proprio tesserato e ripone fiducia nell’operato delle forze dell’ordine che si stanno occupando dell’increscioso episodio“.

Circa nove giorni fa alcuni ultras veronesi avevano lanciato delle uova alla squadra di Delneri, al rientro dalla disfatta di Napoli (qui la notizia)

Hellas Verona: lancio di uova sulla squadra al rientro dalla trasferta di Napoli

Il tutto avviene poche ore dopo un’insinuazione del presidente del Palermo, Maurizio Zamparini: secondo il patron rosa, i giocatori del Verona (l’imprenditore friulano fa il nome di Eros Pisano) avrebbero fatto in modo che il Frosinone vincesse lo scontro diretto per la salvezza domenica scorsa. Frasi che sicuramente pagherà a caro prezzo e che già hanno provocato la reazione dei due club citati, nonché lo scalpore generale.

Comunicato ufficiale presidente Verona: “Zamparini si faccia fatti suoi”

Il Frosinone risponde a Zamparini: “Offende il movimento calcistico, ci porti le prove”

FOTO, Ciociaria Oggi: “Le minchiate di Zamparini. Il Frosinone lo denuncia”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy