Il Genoa respira. Gasperini: “È una giornata speciale, ma classifica corta”. Perin: “Fondamentale superare Palermo e Udinese”

Il Genoa respira. Gasperini: “È una giornata speciale, ma classifica corta”. Perin: “Fondamentale superare Palermo e Udinese”

Le parole dei rossoblù.

1 Commento

Una vittoria per ritrovare il sorriso. Il Genoa tira un lungo sospiro di sollievo, intasca i tre punti e fa un grande balzo in avanti. “Sono partite che rimangono per le emozioni che ti danno. Abbiamo giocato bene, il primo tempo è stato chiuso in svantaggio poi la reazione è stata importante”, ha detto a fine partita il tecnic dei rossoblù Gian Piero Gasperini. “Sotto la Nord c’ero già andato, di solito lascio lo spazio solo ai giocatori. Oggi è una giornata speciale per la vittoria e per la risposta dello stadio: spero che il pubblico resti compatto coi ragazzi perché il girone di ritorno può darci ancora delle soddisfazioni. La classifica è corta, non dobbiamo mollare”.

Soddisfazione – “Sono contento per Matavz e Cerci: lo sloveno ha sfiorato il gol e sta prendendo condizione, Alessio sta superando la delusione del recente periodo e speriamo che dal punto di vista dell’entusiasmo possa essere la svolta – ha aggiunto Gasp -. Che peso hanno questi tre punti? Importantissimi, ci hanno consentito di superare alcune squadre in classifica. Muñoz? L’ho tolto perché l’ho visto in difficoltà e non volevo farlo infortunare di nuovo. Ansaldi tornerà domenica, oggi non è stato convocato per precauzione. Nonostante le assenze mi sento più tranquillo”.

Leggi anche: Serie A: la classifica aggiornata. Il Genoa sorpassa il Palermo. Punto speranza per il Carpi

Felicità che condivide anche il portiere e condottiero del Grifone, Mattia Perin. “Per salvarci abbiamo bisogno di un ambiente sereno. Quando lo stadio ha cantato il nome del mister, che se lo merita, è stato tutto più bello. Andare sotto la curva per una vittoria così importante che per colpa mia stava diventando difficile, sono contento“, ha spiegato a fine gara.

Errori – “Preferivo non fare l’errore sul gol e non parare il rigore e vincere magari uno a zero. Sono rientrato nel secondo tempo che potevo mettere la mia firma su un eventuale vittoria e così è stato. Solo se un ci crede poi arriva quello che uno vuole. Quanto conta questa vittoria? Vale tantissimo, sono sei punti e ci mettiamo qualche squadra sotto: era fondamentale superare Palermo e Udinese. Il nostro campionato è già ricominciato dal girone di ritorno dove abbiamo infilato qualche vittoria e pareggio. Abbiamo avuto alcune partite difficili e ora abbiamo delle partite in casa dove dobbiamo ottenere il massimo dei punti per la salvezza”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Michele Testaverde - 2 anni fa

    Perin 800A forte!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy