Francesco Goldaniga, zio di Edoardo: “Mio nipote sta facendo benissimo al Palermo, lui orgoglio di famiglia”

Francesco Goldaniga, zio di Edoardo: “Mio nipote sta facendo benissimo al Palermo, lui orgoglio di famiglia”

Lo zio di Goldaniga racconta l’emozione del nipote oggi al Ferraris

4 commenti

Francesco Goldaniga, figlio di Giacinto e zio di Edoardo, attuale difensore centrale del Palermo, ha commentato Genoa-Palermo sessantaquattro anni dopo l’esordio di un Goldaniga al Ferraris. “Erano anni in cui i calciatori del Genoa sentivano una sorta di protezione fisica dai propri tifosi – racconta a PianetaGenoa -: erano prevalentemente dei portuali, degli omoni che durante le uscite notturne, ad esempio, davano sicurezza. Il calcio era diverso, giravano meno soldi: mio padre aveva una gran voglia di giocare ma al Genoa non ha potuto farlo poiché era il periodo nel quale gli italiani avevano un debole per lo straniero”. L’esperienza rossoblù di Giacinto fu breve ma intensa, come ci spiega il figlio: “Gli piaceva il Genoa, a casa ho ancora un gagliardetto, dei quadri di pittori genovesi, un bottiglia di liquore con lo stemma del Grifone. Ricordo ancora quando nel 1980 andammo nel carcere dell’Isola d’Elba: mio papà incontrò un ergastolano tifoso rossoblù e comprò da lui una raccolta di articoli sul Genoa, in quei lavoretti che fanno fare ai detenuti. Aveva molti ricordi di quell’anno passato nel club più antico d’Italia. Giacinto Goldaniga separava la famiglia dal calcio: “Non ne parlava quasi mai con noi. Al Genoa ha chiuso, di fatto, la sua storia col pallone: un anno prima conobbe a Bergamo mia madre, nel giugno ’53 la sposò. Mio padre m’ha sempre parlato benissimo della città di Genova, un po’ meno del calcio italiano: non a caso quando smise, ne uscì totalmente dedicandosi all’industria tessile di famiglia”. Di padre in figlio? “No, la famiglia Goldaniga è da sempre di stampo sportivo ma Francesco non ha percorso la stessa strada paterna. La nostra peculiarità è la velocità: papà era soprannominato ‘Freccia d’Oro’ ed Edoardo è un difensore che di base ha questa caratteristica. Sta facendo benissimo al Palermo”.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Javier - 2 anni fa

    Anche Ilicic è dello stesso avviso….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ciccio - 2 anni fa

    Si infatti grazie anche a lui siamo la difesa migliore della serie A ma non faccia ridere co ste dichiarazioni partito benino sta adesso naufragando come tutti ,appena qualche partita (e una valanga di gol presi) e già è un campione o forse un COG…..e

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mistero - 2 anni fa

    Oggi ha giocato come un comune giocatore di lega-pro, unica consolazione che Gonzalez e Andelkovic hanno giocato peggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. shoes - 2 anni fa

    Ma ho dei dubbi è partito sufficiente e ha calato partita dopo partita. Delusione contro la samp quando alla fine del primo tempo aveva le mani alle ginocchia e aveva cassano da marcare. Spiace ma rimane un giocatore che deve crescere e tanto per la serie A e se la fiorentina lo vuole per me l affare lo fa zamparini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy