Besiktas, Talisca beffa e accusa il Benfica: “La società non mi ha rispettato, non mi pagavano”

Besiktas, Talisca beffa e accusa il Benfica: “La società non mi ha rispettato, non mi pagavano”

Ha siglato la rete dell’1-1, arrivata in extremis, contro la sua ex squadra. Le dichiarazioni del giovane brasiliano dopo il match di Champions League.

Commenta per primo!

Ieri sera, al minuto 93, ha siglato la rete dell’1-1 in occasione di Benfica-Besiktas.

Anderson Souza Conceição, meglio noto come Talisca, è riuscito a punire la sua ex squadra. Sì, proprio il Benfica. Quel Benfica che lo ha lasciato partire prima del gong conclusivo del mercato di agosto, cedendolo in prestito biennale (con diritto di riscatto) alla squadra del tecnico Gunes. Il giovane brasiliano era sbarcato in Portogallo nell’estate del 2014, mettendo subito in mostra le sue qualità nella Primeira Liga. Poi, nel corso dell’ultima annata, ha siglato appena tre gol in 21 presenze. Dunque, la cessione al Besiktas e la rete di ieri sera, arrivata in extremis.

“Il Benfica non mi ha rispettato – ha dichiarato proprio Talisca alla stampa turca -. La società portoghese ha pagato gli stipendi a tutti i calciatori, fuorché a me, quando mia figlia aveva appena sei giorni di vita”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy