Djurdjevic talismano del Partizan: “A Palermo esperienza da rivedere, a Babbo Natale chiedo…”

Djurdjevic talismano del Partizan: “A Palermo esperienza da rivedere, a Babbo Natale chiedo…”

Con l’ex rosanero in campo 13 vittorie e un pareggio per il Partizan Belgrado. Uros Djurdjevic: “Ho chiesto due cose a Babbo Natale”.

2 commenti

Il suo Partizan Belgrado chiude alla grande un 2016 iniziato non proprio bene.

Uros Djurdjevic si gode il momento, dall’alto dei suoi 11 gol siglati siglati in 14 partite: il dato da sottolineare è che, con l’ex Palermo in campo, la squadra di Belgrado ha ottenuto 13 vittorie e appena un pareggio. “Sì, non abbiamo mai perso – ha ripetuto Djurdjevic alla stampa serba -. Sono sicuro che possiamo giocarci a viso aperto la vittoria del titolo. Penso non ci siamo avversari del nostro livello. Comunque dobbiamo cercare di guardare partita dopo partita e non al percorso delle altre. Io il talismano del Partizan? Beh, da quando vesto questa maglia, abbiamo vinto praticamente sempre, pareggiando appena un incontro“.

Esperienze negative –Sono venuto qui su espressa richiesta del mister, Marko Nikolic, che conoscevo già dai tempi del Rad. Sento di aver fatto la scelta giusta venendo qua. Ero reduce da due esperienze non proprio positive, col Vitesse in Olanda e con la maglia del Palermo in Serie A. Appena ho saputo che Nikolic mi voleva qui a Belgrado, non ci ho pensato due volte“.

Caro Babbo Natale… – “Se ho scritto la lettera a Babbo Natale? Sì, gli ho chiesto due cose: la prima è di vincere il campionato grazie ai miei gol… va bene anche se il titolo arriva senza le mie reti (ride, ndr); la seconda è di trionfare nell’Europeo Under-21 con la Serbia di cui sono capitano. Del resto, siamo un gruppo affiatato, che si conosce bene e che può togliersi importanti soddisfazioni. Speriamo bene”

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Manlio Sanfilippo - 2 mesi fa

    Sinceramente non era un campione ma si impegnava e per quel poco che ha giocato qualche goal l’ha fatto poi si doveva ancora ambientare.. in ogni caso in questo palermo sarebbe un rinforzo accanto a Nestorvsky

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Matteo Tricoli - 2 mesi fa

    Ottimo, così non c’è pericolo di vederlo ritornare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy