Cannavaro: “Conosco i cinesi dell’Inter, ma non quelli del Milan”

Cannavaro: “Conosco i cinesi dell’Inter, ma non quelli del Milan”

L’attuale allenatore del Tianjin Quanjian si trova in Italia: “Sono qui per comprare calciatori”. Si parla di Cavani, Icardi e Pastore.

3 commenti

Fabio Cannavaro è in Italia: si trova nel nostro paese per intervenire sul mercato. Il presidente del club cinese di cui è allenatore, il Tianjin Quanjian, ha affidato lui un budget da usare per portare in Oriente alcune delle stelle del calcio europeo.

Il capitano della Nazionale Italiana che vinse il Mondiale nel 2006 in Germania è intervenuto ai microfoni di SkySport a cui ha rivelato: “Sono venuto in Italia per comprare giocatori”. I nomi nel taccuino sono molti: da Mauro Icardi a Javier Pastore, passando per Edinson Cavani, Kalinic e Keita della Lazio.

Belotti? No, Andrea rimane a Torino. Su di lui Cannavaro pensa sia “simile a Vieri. Lo ricorda molto”.

L’attuale tecnico del Tianjin Quanjian continua: “Conosco i cinesi dell’Inter, sono abbastanza forti come cordata perché hanno un club anche in Cina. Avere società cinesi in Italia non è un aspetto negativo, anzi dobbiamo aprirci all’Oriente: è opportuno comunque aiutarli a conoscere meglio il nostro calcio. I cinesi del Milan? No, di questo so poco, anche perché leggo poco i giornali italiani“. E sulla querelle Ventura-Pellé: “Pellé è un buon giocatore, volevo portarlo qualche anno fa a Dubai. Ma con Ventura ha sbagliato, il rispetto nei confronti dell’allenatore è la prima cosa. Credo sia esagerato, comunque, impedirgli di essere convocato per sempre“.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Arrigo Giuseppe - 3 settimane fa

    prendi anche Jajalo cocev e Hilemark

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Michelangelo Muratore - 3 settimane fa

      esattamente Cannavaro eroe ddl 2006 grande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Michelangelo Muratore - 3 settimane fa

      prenderli a loro no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy