Palermo: petardi e fumogeni per colpire Zamparini. Maxi multa in arrivo per il club

Palermo: petardi e fumogeni per colpire Zamparini. Maxi multa in arrivo per il club

La protesta dei tifosi allo stadio causerà una multa che il presidente contestato dovrà pagare.

3 commenti

A Palermo mi vogliono bene, mi contestano i soliti cinquanta“. Una provocazione bella e buona quella del presidente Maurizio Zamparini. Ha tirato troppo la corda, ha “straparlato” come al solito, ha caricato una bomba ad orologeria e i risultati si sono visti in occasione di Palermo-Lazio.

LEGGI ANCHE La sfida incauta di Zamparini ai tifosi: “La gente mi ama, la piazza non mi contesta”

Come esprimere al presidente del Palermo il dissenso verso una gestione societaria sciagurata? Semplice, con una protesta che oltre ad avere un impatto “scenico” colpisse Zamparini direttamente alla tasca, hanno pensato i supporter della curva.

I petardi, i fumogeni, i seggiolini bruciati insieme agli striscioni, i sanitari dei bagni divelti e lanciati in campo sono stata la forma di protesta scelta dagli ultras e indirizzata a Zamparini. Adesso, oltre ad una maxi multa in arrivo, il patron rosanero dovrà sostenere le spese per riparare i bagni del “Renzo Barbera” parzialmente distrutti in Curva Nord e, probabilmente, subirà anche un “mancato guadagno” nel caso in cui le prossime due partite di Serie A dovessero giocarsi a porte chiuse o con alcuni settori dello stadio chiusi.

LEGGI ANCHE Palermo: Novellino verso l’esonero. Zamparini incontra Ballardini, le ultime

Insomma, oltre al danno la beffa. L’idea degli ultras sembra quella di colpire il presidente del Palermo nel portafogli causando danni e multe alla società. Proprio per questo alcuni tifosi hanno lanciato sui social anche l’idea di boicottare il centro commerciale costruito in città proprio da Zamparini qualche anno fa.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vicio64 - 1 anno fa

    Infatti,nessuno allo stadio,NEL SENSO VUOTO ASSOLUTO,questa e’ la migliore protesta.
    PS;SONO MOLTO DISPIACIUTO PER IL RAGAZZO COLPITO a calci ALLA TESTA DURANTE GLI SCONTRI DELLE TIFOSERIE,spero che adesso stia bene,lo sport non e’ violenza,azioni che non hanno nulla a che fare con il calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luca Rosanero - 1 anno fa

    Quello che è successo ieri prima, durante e dopo la partita di certo non rende onore ad una tifoseria prima di allora davvero irreprensibile dal punto di vista del comportamento e della sportività, caratteristiche “omaggiate” in tutti questi anni e segnalate più volte dalle trasmissioni televisive nazionali. Sinceramente opterei per forme di contestazione più costruttive e per nulla dettate dall’aggressività; boicottare il Centro Commerciale? Benissimo! Farlo anche con gli Stores Rosanero presenti in città? Ben venga… Io non so cosa succederà adesso, il Renzo Barbera subirà una squalifica? Questo non lo so, io sinceramente farei dell’indifferenza il “punto di forza” di un’intera tifoseria nonchè dell’intera città, perchè ormai è questo tipo di atteggiamento che una società del genere merità: l’indifferenza più totale!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vicio64 - 1 anno fa

      Infatti,nessuno allo stadio,NEL SENSO VUOTO ASSOLUTO,questa e’ la migliore protesta.
      PS;SONO MOLTO DISPIACIUTO PER IL RAGAZZO COLPITO a calci ALLA TESTA DURANTE GLI SCONTRI DELLE TIFOSERIE,spero che adesso stia bene,lo sport non e’ violenza,azioni che non hanno nulla a che fare con il calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy