Pres. Empoli, Corsi: “Mi viene da ridere se penso allo stipendio di Dzeko e De Rossi. Martusciello, ecco che serve per salvarci”

Pres. Empoli, Corsi: “Mi viene da ridere se penso allo stipendio di Dzeko e De Rossi. Martusciello, ecco che serve per salvarci”

L’intervista al presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi: nella giornata di ieri la squadra di Martusciello è riuscita a fermare la Roma di Spalletti.

Commenta per primo!

Una trappola che ha imbrigliato la Roma, impedendole di vincere.

I giallorossi riflettono e non riescono a digerire il pareggio maturato al Carlo Castellani di Empoli contro la formazione di Giovanni Martusciello.

GUARDA Video: Empoli-Roma, gli highlights del match

Skorupski (che peraltro appartiene ancora ai capitolini) sugli scudi, ma il presidente dei toscani, Fabrizio Corsi, non circoscrive i complimenti esclusivamente al portiere polacco. “Sembra che il miracolo sia stato fatto solo da Skorupski, che in effetti ha salvato il risultato in almeno tre occasioni, ma tutta la squadra ha fatto una grande partita, insidiando i giallorossi – ha analizzato Corsi intervenendo a Radio Anch’io Sport -. Mi viene da ridere se penso agli stipendi di De Rossi e Dzeko: noi ci pagheremmo tutta la rosa, fino a settore giovanile. Sono però felicissimo della nostra dimensione, tiriamo fuori i giocatori dal settore giovanile che ogni anno poi vanno a giocare nelle grandi squadre italiane. Ci sono belle storie in Serie A come la nostra o quelle di Frosinone e Crotone”.

SERIE A, QUI LA CLASSIFICA AGGIORNATA

“Martusciello è mai stato in bilico? Giudichiamo le partite e come la squadra segue l’allenatore. Chiaramente abbiamo alcuni problemi in fase realizzativa e il nostro tecnico dovrà dare di più in questo senso, ma la nostra è una squadra molto organizzata. Ci dobbiamo affidare ai nostri allenatori italiani”, ha proseguito Corsi che ha poi puntato i riflettori su Saponara, il cui inizio di stagione è stato fin qui grigio. “Cosa gli è successo? Ci è mancato in questo avvio di stagione, così come Pucciarelli. Succedono queste cose, soprattutto quando in estate ci sono le sirene di mercato. Non hanno avuto l’approccio adeguato alla stagione, anche se devo dire che ieri hanno giocato molto bene. Non credo che Saponara se ne vada a gennaio. Dobbiamo ritrovarlo ai livelli delle ultime due stagioni, è tranquillo e consapevole che potrà andare in un’altra squadra, più blasonata, soltanto attraverso le prestazioni”, ha analizzato. “L’Empoli migliorerà? Abbiamo il problema del gol ma abbiamo anche tante certezze, a partire dalla difesa. Dobbiamo cambiare marcia, il campionato è molto lungo e devono succedere tante cose”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy