Maccarone: “Voglio battere record personale di gol. Segreto? Stare con i giovani e divertirmi”

Maccarone: “Voglio battere record personale di gol. Segreto? Stare con i giovani e divertirmi”

Le parole del numero 7 azzurro, Massimo Maccarone

Commenta per primo!

Prossimo avversario per il Palermo sarà l’Empoli dell’ex Massimo Maccarone, in maglia rosa nella stagione 2010-2011. Intervistato da BMagazine il numero 7 azzurro ha svelato gli obiettivi futuri e non si è tirato indietro a ricordi del passato.

Sarebbe bello superare il mio record di gol in una stagione, mi farebbe piacere batterlo in uno dei miei ultimi anni di carriera. Sono partito da qui tanti anni fa, ho avuto la possibilità di confrontarmi per la prima volta con il grande calcio. La B dell’epoca era tosta e importante. Poi sono andato via– ha dichiarato Big Mac- ma ho sempre mantenuto i contatti con gli amici che mi sono fatto e ho sempre pensato che sarei potuto tornare. Quindi, essere qui oggi e avere trascorso anni importanti come gli ultimi quattro è un piacere doppio. Empoli è una città a cui sono legato e qui mi fermerò a vivere”.

Ad Empoli una parentesi al fianco di Antonio Di Natale: “Non eravamo proprio una coppia perché spesso giocavamo a tre in avanti. Giocare con Totò è stato bellissimo. Anche per lui era una delle prime occasioni importanti, ma si vedeva che avrebbe avuto una grande carriera.

Tifoso del Napoli “Ho sempre simpatizzato per il Napoli perché– ha continuato- mio padre era tifoso dei partenopei ai tempi di Diego Armando Maradona e mi ha trasmesso questa passione”.

Il ritorno ad Empoli- “Mi chiamò il presidente perché l’Empoli da qualche anno non se la passava bene e stava lottando per non retrocedere dalla B alla Prima Divisione. Io gli dissi che ero già in parola con il Siena e che non potevo tirarmi indietro. Ma la prima scelta, qualora fossi andato via, sarebbe stata Empoli. E così è stato. Sono stato il primo a essere felice di essere tornato. Forse se non fossi venuto qui avrei già smesso di giocare”.

Il borsino della zona calda: come stanno le squadre a rischio

Il segreto della giovinezza-Essere tornato mi ha dato grandi stimoli e in più sono in un gruppo pieno di ragazzi giovani e di qualità che si divertono e mi fanno divertire. Mi aiutano a farmi sentire più giovane. E poi credo sia fondamentale la cura dei dettagli. Più vai avanti con l’età, più devi curare tutti i dettagli, non solo fisici, per rendere al meglio. Non so cosa farò domani, è difficile dirti cosa farò tra dieci anni. Posso però dire sarò qui a Empoli, sicuramente!”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy