Empoli, Giampaolo sfida il Palermo: “Tonelli all’inferno dopo gesto manette, Novellino indecifrabile”

Empoli, Giampaolo sfida il Palermo: “Tonelli all’inferno dopo gesto manette, Novellino indecifrabile”

Le dichiarazioni del tecnico dei toscani.

Commenta per primo!

Vendere cara la pelle. E’ questo l’intento dell’Empoli di Marco Giampolo di qui fino al termine della stagione: i toscani possono dirsi già salvi, ma vietato rilassarsi. “Contro il Palermo sarà determinante voler vincere a tutti i costi, la nostra squadra è brava sotto questo punto di vista. Dovremo giocare come abbiamo sempre fatto, senza fare calcoli e pensare alla classifica – avverte Giampaolo -. Mancano tante partite e dobbiamo giocarle, vogliamo riscattarci e chiudere la stagione nel migliore dei modi“.

L’avversario – “Mi aspetto un Palermo con la voglia di fare risultato perché ne ha bisogno. Se provassi a immedesimarmi nel Palermo, vedrei una squadra agguerrita e attenta. L’Empoli deve giocare per vincere, sono convinto che la squadra possa fare una grande partita. Non dovremo fare calcoli”, ha spiegato.

Empoli-Palermo: le probabili formazioni. Vazquez falso nueve, e tanti ballottaggi per Novellino

La partita – “Sarà meno decifrabile del solito, non sappiamo come giocherà la squadra di Novellino. Nei 90 minuti di domenica, quando i rosa hanno affrontato il Napoli, i siciliani hanno cambiato tre volte sistema di gioco, non abbiamo riferimenti e quindi abbiamo lavorato su di noi”.

Tonelli – Il difensore azzurro tornerà a disposizione dopo tre giornate di squalifica (qui la decisione del Giudice Sportivo). “Per quel gesto Lorenzo è stato all’inferno e sa come si sta da quelle parti – ha commento -. Tornare a giocare ed essere disponibili è un’altra dimensione, credo che certe situazioni non possano far altro che migliorarlo”.

Novellino sfida l’Empoli: “Non dimentico né Gilardino né Bentivegna, Vazquez come Recoba. Empoli, ti sfido così”

Futuro – Chiosa finale su quello che sarà il prosieguo carrieristico del tecnico attualmente alla guida dell’Empoli. “A tempo debito ne discuteremo, ci sono delle priorità e questa, oggi, non lo è. Dobbiamo fare un campionato ottimo, rispettare la società e i tifosi, ma anche noi stessi. Non ci sono sentenze definitive“, conclude.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy