Paris Saint Germain: aperta inchiesta contro il presidente Al-Khelaifi, l’accusa è di corruzione

Paris Saint Germain: aperta inchiesta contro il presidente Al-Khelaifi, l’accusa è di corruzione

La procura svizzera apre un’inchiesta. Indagato anche l’ex segretario generale della FIFA, Valcke: avrebbe accettato vantaggi indebiti circa l’assegnazione dei diritti tv per i prossimi Mondiali

1 Commento

La procura svizzera ha annunciato di aver aperto un procedimento penale contro l’ex segretario generale della FIFA, Jerome Valcke, e Nasser Al-Khelaifi, presidente del Paris Saint-Germain, con l’accusa di corruzione nell’ambito della compravendita dei diritti tv per i prossimi Mondiali.

I due sarebbero accusati di corruzione, frode e falso. “La procura ha avviato un procedimento nei confronti di Jérôme Valcke e di Nasser Al-Khelaifi per corruzione di privati (articolo 4a), per truffa (art. 146 CP), amministrazione infedele (art. 158) e falso documentale (art. 251 CP). A Jérôme Valcke è contestato di avere accettato vantaggi indebiti da un uomo d’affari nel settore dei diritti sportivi in relazione all’assegnazione dei diritti tv per alcuni paesi delle edizioni della Coppa del Mondo FIFA 2018, 2022, 2026 e 2030 e da Nasser Al-Khelaifi in relazione all’assegnazione dei diritti tv per alcuni paesi delle edizioni della Coppa del Mondo FIFA 2026 e 2030”, si legge nel dettaglio, nella nota diramata dalla procura svizzera.

Un’inchiesta, quella in questione, aperta lo scorso 20 marzo e venuta alla ribalta solo nella giornata di oggi, giorno in cui Valcke – che ha sempre negato di aver commesso qualsiasi illecito – è stato interrogato in Svizzera dagli investigatori. Inoltre, sarebbero state eseguite numerose perquisizioni in Spagna, Francia, Grecia e Italia. Al momento non è stato emesso alcun provvedimento di fermo.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Manlio Cassarà - 1 settimana fa

    È il male del calcio un po di prigione male non gli farebbe

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy