Curiosità: si finge stella del calcio senegalese, il Chieti porta in ritiro un profugo

Curiosità: si finge stella del calcio senegalese, il Chieti porta in ritiro un profugo

Ha raggiunto l’Italia dopo essere scappato dal suo paese dicendo di essere Lamine Diatta, perno della difesa della Nazionale olimpica senegalese. E’ la storia di Issiaka, 18enne profugo del Gambia.

Commenta per primo!

Ha raggiunto l’Italia dopo essere scappato dal suo paese dicendo di essere Lamine Diatta, perno della difesa della Nazionale olimpica senegalese. E’ la storia di Issiaka, 18enne profugo del Gambia che si è presentato ad inizio agosto a Pescara con documenti contraffatti e il curriculum professionale dell’ignaro Diatta. Il giovane aveva spiegato ai dirigenti del club abruzzese di essersi svincolato dalla precedente squadra sportiva di Dakar e di essere disposto a sostenere un provino. Una volta messo alla prova però – come si legge su LiberoQuotidiano.it – non è riuscito a convincere lo staff biancazzurro. Ma non è finita qui, perché Issiaka ci ha riprovato ancora. Il giovane ha messo in atto un raggiro ai danni di alcuni senegalesi che vivono a Chieti e provvisti di regolare permesso di soggiorno, facendosi poi accompagnare alla sede del Giovanile Chieti Calcio. E in questo caso il provino deve essere andato bene, tant’è che il club in questione ha deciso di aggregarlo alla prima squadra per il ritiro pre-campionato. A tradire il 18enne è stata poi l’eccessiva ossessione nell’ottenere il visto, che ha insospettito l’avvocato messogli a disposizione dalla comunità senegalese per l’adempimento delle pratiche burocratiche. Scoperta la truffa, Issiaka è stato riportato al centro di accoglienza di Alba Adriatica (Teramo).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy