Curiosità: Parma-Palermo, tifoso diventa star tv

Curiosità: Parma-Palermo, tifoso diventa star tv

Si chiama Marco Santachiara, era al “Tardini” per tifare Parma nel match odierno contro il Palermo, e per due ore è stato il protagonista (ignaro) di “Quelli che il calcio”. Colto dalle.

Commenta per primo!

Si chiama Marco Santachiara, era al “Tardini” per tifare Parma nel match odierno contro il Palermo, e per due ore è stato il protagonista (ignaro) di “Quelli che il calcio”. Colto dalle telecamere mentre era sugli spalti a torso nudo, è immediatamente diventato, nella trasmissione di Simona Ventura, “il tartarugone”, in virtù degli addominali esibiti. Il tutto per il 24enne tifoso parmigiano, impiegato contabile, è iniziato quando ha ricevuto una telefonata. “Era mio padre: mi ha detto che mi stavano inquadrando le telecamere di ‘Quelli che il calcio’ e che se avessi salutato avrebbe visto il mio saluto diretta – ha raccontato alla Gazzetta di Parma – Pensavo si trattasse di un’inquadratura come tante, ma subito dopo mio padre mi ha spiegato che Simona Ventura stava parlando di me, che mi aveva chiamato ‘il tartarugone'”. Già, “il tartarugone”. Perché gli addominali scolpiti di Marco non passano certo inosservati. Il nomignolo è così diventato subito un tormentone in trasmissione e Marco è stato invitato da un rappresentante del programma mandato in curva in mezzo ai tifosi a prendere parte alla postazione del “Tardini” insieme ad Alessia Crespo e Sasà Salvaggio. Lui rimane stupito: in Curva in quel momento sono in tanti ad essere senza maglietta; fa caldo, e Marco ne ha approfittato per prendere un po’ di sole. “Non sono un esibizionista, anzi. Sono molto riservato”, spiega. Gli dispiace abbandonare la Curva – è abbonato, il Parma è una sua grande passione e non seguire la partita fino alla fine è una rinuncia -, ma si lascia prendere dalla situazione divertente e accetta l’invito. Il ‘tartarugone’ scambia così qualche battuta con Simona Ventura e viene invitato domenica prossima negli studi romani della trasmissione. “Ci andrò volentieri – dice -. Tutto ciò è divertente, ma tengo a sottolineare che sono una persona molto tranquilla e riservata. Di certo non sono un ‘montato’. Esco poco, non sono propriamente una persona ‘di mondo’, non ho Facebook perché non credo che i social network siano validi mezzi di aggregazione sociale e mi alleno in casa, nella mia palestra, proprio perché non sono esibizionista”. Il mondo dello spettacolo, sottolinea, non gli interessa. “Sono contento del mio lavoro, sto benissimo così”. Marco, tra l’altro, ha anche portato bene al Parma, che poco dopo il suo arrivo in tribuna per il collegamento tv ha segnato il terzo gol ai rosanero.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy