Crotone, Ursino ci crede: “Se c’è una giustizia divina ci salveremo. Ho un rimpianto…”

Crotone, Ursino ci crede: “Se c’è una giustizia divina ci salveremo. Ho un rimpianto…”

Le parole del direttore sportivo del Crotone, Giuseppe Ursino, in merito alla lotta salvezza

di Mediagol34

Ultima chiamata per il Crotone.

La squadra di Walter Zenga domenica pomeriggio, nel match valido per la trentottesima ed ultima giornata del campionato di Serie A, cercheranno di conquistare al San Paolo tre punti vitali contro un Napoli che, dopo la vittoria dello scudetto da parte della Juventus e l’accesso diretto in Champions League, non ha più nulla da chiedere al campionato.

Intervenuto ai microfoni di ‘TuttoMercatoWeb’ in vista della partita contro gli uomini di Sarri, il direttore sportivo del Crotone, Giuseppe Ursino, ha detto la sua: “Dobbiamo fare il nostro dovere, poi vedremo alla fine che cosa succederà. Ce la metteremo tutta. Questa salvezza la meritano i tifosi, la squadra e la società. Faremo del nostro meglio, ne sono sicuro. I risultati sugli altri campi di domenica scorsa non sono stati quelli che avremmo voluto noi, ma dobbiamo rimboccarci le maniche. Sfidiamo il Napoli, proviamoci: loro sanno di essere bravi, ma dobbiamo fare l’ultimo sforzo. Noi andremo al San Paolo per fare la nostra partita. Ce la metteremo tutta, meritiamo di salvarci. Quando pensi di non avere più scampo puoi arrivare alla luce. Sono credente, se c’è una giustizia divina dobbiamo salvarci”.

RIMPIANTO – “Il minuto 93 di Crotone-Cagliari. Non ho capito cosa sia successo. Ci può stare che perdiamo contro la SPAL. Ma ancora non mi spiego che è successo contro il Cagliari”.

ZENGA – “Il suo futuro? Queste cose che si vedranno più avanti. S’e dimostrato un grande allenatore. Ma ora pensiamo solo a noi e alla partita di domenica. La promessa in caso di salvezza? Le cose di sempre. Rientro a casa e festeggio con la famiglia. Dopo tanti anni di calcio ho visto di tutto”, ha concluso.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy