Liverpool-Roma, Pallotta: “Sono superstizioso, non sarò allo stadio a guardare la Roma. Vi spiego…”

Liverpool-Roma, Pallotta: “Sono superstizioso, non sarò allo stadio a guardare la Roma. Vi spiego…”

Le parole del numero uno della Roma, James Pallotta, in vista della semifinale di andata di Champions League contro il Liverpool

di Mediagol93

Liverpool e Roma stasera si rincontreranno in Champions League dopo 34 anni, come nella finale del 1984 poi vinta dalla compagine inglese.

A parlare delle sue sensazioni a poche ore dal match è il presidente giallorosso James Pallotta: “Più nervoso o eccitato in questo momento? In realtà, probabilmente, nessuna delle due ora. È il momento più tranquillo che ho avuto a Roma in questi 5 anni – ha detto il numero uno della Roma ai microfoni dell'”ESPN” – Quando abbiamo giocato col Barcellona a Roma, penso sia stata la serata in cui sono stato meno nervoso durante una partita perché è stato tutto positivo e ho pensato che se avessimo giocato bene avremmo avuto una possibilità, ma vincere per 3-0 è stato quello di cui avevamo bisogno, quindi non ero affatto nervoso, di solito lo sono più nelle partite normali come nello scorso weekend. Sai, cammino per tutta la casa…”

Nel corso dell’intervista, il presidente della Roma, ha anche parlato dei motivi che lo hanno spinto a decidere di non recarsi allo stadio per assistere al match: Forse non sorprenderà la maggiorate delle persone sapere che sto andando in Inghilterra, perché ho le mie superstizioni. Non sono andato all’ultima partita d’andata a Barcellona e poi sono andato al ritorno in casa e quindi continuerò a fare le stesse cose. Se tornassi ai giorni in cui giocavo a basket, dalle scuole superiori in avanti, metterei prima il calzettone sinistro e poi il destro, la scarpa sinistra e poi la destra, legare prima la scarpa sinistra e poi la destra. Se la mia scarpa destra si fosse slacciata, allora sarei dovuto tornare indietro e sciogliere la mia sinistra…ho questi piccoli capricci. Dove ho intenzione di guardare il match non lo dirò pubblicamente, ma c’è un ristorante italiano a Londra dove Franco Baldini e alcuni di noi hanno guardato le gare in passato, quindi saremo in uno di questi posti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy