PALERMO-CESENA, LE PAGELLE DI MEDIAGOL

PALERMO-CESENA, LE PAGELLE DI MEDIAGOL

Di Fabrizio Anselmo
.

Commenta per primo!

Di Fabrizio Anselmo

Il Palermo agguanta i primi tre punti in Serie A dell’era Iachini con uno splendido colpo di testa di Gonzalez a tempo oramai scaduto. I rosa non brillano dal punto di vista del palleggio, ma portano a casa tre punti, tutto il resto non conta. Peccato per l’ennesima ingenuità di Andelkovic che regala il rigore al Cesena. Adesso testa alla Juventus con la speranza non troppo celata di portare a casa l’ennesimo risultato storico.

SORRENTINO 6,5 due interventi decisivi in uscita bassa e tante urla a dirigere la difesa.

MUNOZ 6,5 grave l’errore di valutazione sul fuorigioco di Rodriguez che poteva costare il 2-1, poi la solita compattezza difensiva.

MAKIENOK (dal 42’ s.t.) S.V. in Italia non basta l’altezza per colpirla di testa, servono esperienza, malizia e cattiveria. Se Iachini crede in lui, vuol dire che il potenziale c’è. Ci fidiamo.

GONZALEZ 7 non è solo il gol, che già aveva sfiorato in altre due occasioni, ma la naturalezza con cui si è ambientato nella difesa rosa, sembrava esserci stato sempre.

ANDELKOVIC 5,5 non è possibile mettere sempre l’arbitro nella condizione di decidere la partita. Dagli errori bisogna trarre insegnamenti, non proseguire con i paraocchi.

MORGANELLA 6 rischia di lasciare una tibia in regalo a Coppola ma neanche in quel caso tira indietro la gamba. Buona la prova sia in fase difensiva che offensiva.

BOLZONI 6 quando si vede meno in campo, vuol dire che l’ingranaggio del centrocampo rosanero si incastra perfettamente con gli altri pezzi. Tanti palloni sporcati nella mediana e un quasi gol di testa.

RIGONI 6 qualche buona verticalizzazione, tanti passaggi orizzontali ma anche tanta densità a centrocampo dove spezza più volte le trame del Cesena per ripartire in contropiede.

CHOCHEV 6- inizio propositivo sulla sinistra dove ruba anche parecchi metri a Lazaar, poi sparisce dal campo non appena il marocchino alza il baricentro.

BELOTTI (dal 20’ s.t.) S.V. spesso avulso dal gioco, si scontra con tutti come se non ci fosse un domani. I gol torneranno, il minutaggio aumenterà. Lo spirito è quello giusto.

LAZAAR 5,5 il mister lo invita a scendere verso il fondo, ma il risultato sono solo un paio di traversoni o troppo corti, o troppo lunghi. In difesa garantisce sempre il raddoppio a Gonzalez. Troppo poco per le sue potenzialità. EMERSON (dal 36’s.t.) S.V.

VAZQUEZ 6,5 un palo, tanti assist illuminanti per Dybala ma soprattutto una gestione della palla che permette alla squadra di rifiatare. Sul finale mantiene il possesso guadagnando secondi preziosi.

DYBALA 7 realizza una rete seguendo uno degli schemi più utilizzati a Pes: palla sul mancino al limite dell’area, tiro a giro e gol sul secondo palo. Per fortuna, terminata la partita, la consolle non viene spenta. Immarcabile.

IACHINI 6,5 gli ingressi di Belotti e Makienok per Chocev e Munoz fanno capire quanto Iachini volesse vincere la partita. Scontato dirlo, dato che i rosa non erano certamente nella condizione di accontentarsi di un punto. Domenica prossima c’è la Juve, ma Iachini potrà contare su un Gonzalez in più nel motore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy