Paganese-Catania 2-1 editoriale: febbraio è il mese della verità?

Paganese-Catania 2-1 editoriale: febbraio è il mese della verità?

Il Catania torna a casa da Pagani senza punti e con la terza sconfitta consecutiva rimediata contro una squadra abile a sfruttare le amnesie difensive etnee, evidenziate su calcio piazzato

Commenta per primo!

Il periodo più nero del campionato del Catania nel momento in cui tutti si attendevano una svolta. Tutto ed il contrario di tutto in un mese, quello di febbraio che dovrebbe essere quello in cui iniziare a guardare la classifica, in cui poter capire quali sono le reali potenzialità della squadra, in cui coltivare o smontare i sogni. Beh ad occhio e croce le indicazioni arrivate dal campo fanno capire chiaramente che per il Catania i sogni rischiano di rimanere tali e la realtà è probabilmente più amara di quel che si pensava.

A Pagani è arrivata la terza sconfitta consecutiva, l’ottava stagionale e la seconda di fila con la gestione Pulvirenti. Un dato che fa riflettere e che proietta gli etnei in piena crisi di risultati; una crisi iniziata proprio dopo l’addio a Pino Rigoli, quando teoricamente si ricercava la scossa giusta. L’ordine e l’attendismo non potevano bastare, serviva qualcosa di più, serviva non accontentarsi ma alla fine il passo è stato più lungo della gamba.

Oggi Biagianti e compagni sono fuori dalla zona play off, hanno vinto solo una partita nelle ultime sei giornate e sembrano aver smarrito la luce. Per carità con la Paganese la squadra è apparsa più ‘viva’ rispetto ad altre uscite, ma alla fine ciò che conta è il risultato finale e sono bastate due disattenzioni difensive e qualche errore di troppo sotto porta per tornare a casa con la bocca asciutta.

Adesso restano da giocare otto gare, non tantissime ma neanche poche. La domanda però è sempre la stessa: cosa bisogna aspettarsi da una squadra che dopo trenta giornate si è mostrata così altalenante e senza identità? Di certo non mirabilie, non un gioco spettacolare, ma magari folate, sprazzi di determinazione e vittorie episodiche dettate dalle individualità. Febbraio, il mese delle verità ha consegnato questa fotografia della squadra etnea che difficilmente potrà trasformarsi nel finale di anno. Attendere con pazienza e programmare il futuro, analizzando partita dopo partita i pregi e i difetti di un organico che in ogni caso rappresenta la base su cui costruire la prossima stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy