Melfi-Catania 3-3: tutto e il contrario di tutto

Melfi-Catania 3-3: tutto e il contrario di tutto

Commenta per primo!

MARCATORI: 18′ Agazzi, 22′ Longo, 26′ Herrera, 30′ 73′ Russotto, 76′ Canotto
MELFI (4-2-3-1) Santurro; Cason, Demontis, Colella, Amelio; Finazzi (Maimone), Giacomarro; Canotto, Herrera (Tortolano), Masini (Lescano); Longo. All. Ugolotti
CATANIA (4-3-3) Bastianoni; Garufo, Bergamelli, Pelagatti, Nunzella; Agazzi, Musacci (Plasmati), Russo (Scarsella); Russotto (Lulli), Calil, Falcone. All. Pancaro.
AMMONITI: Falcone, Musacci, Herrera,Nunzella

Partita assurda per tanti punti di vista quella che vede pareggiare Melfi e Catania, sotto una girandola di reti. Primo tempo al limite del verosimile, con gli etnei che nonostante le difficoltà nella gestione della sfera riescono a trovare il vantaggio grazie ad Agazzi che è bravo ad inserirsi senza palla all’interno dell’area di rigore e a freddare il portiere avversario. Partita incanalata sui binari giusti per i rossazzurri? Assolutamente no. A rimettere in partita i padroni di casa ci pensa l’estremo difensore Bastianoni che trasforma in rete un tiro sterile dai trenta metri di Longo. La rimonta del Melfi è completata dopo appena due minuti da Herrera che trasforma un calcio di rigore concesso per una ingenua trattenuta di Russo sugli sviluppi di calcio d’angolo. Gli uomini di Pancaro però non si abbattono e riescono ad acciuffare nuovamente il pareggio con Russotto, freddo nello sfruttare uno splendido assist di Garufo. La ripresa è decisamente più soporifera, ma ci pensa ancora Russotto a restituire il sorriso ai tifosi rossazzurri con una serpentina conclusa con un destro imparabile a due passi da Santurro. Tutto finito? Ancora una volta no. A sancire il definitivo 3-3 è Canotto che suggella un’ottima prestazione saltando Nunzella e scagliando un potente destro che trova nuovamente impreparato Bastianoni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy