Live, Pulvirenti: “Mi minacciavano pesantemente di morte, ho agito di conseguenza. Radiazione eccessiva. Se non fossero uscite le intercettazioni, non avrei lasciato…”

Live, Pulvirenti: “Mi minacciavano pesantemente di morte, ho agito di conseguenza. Radiazione eccessiva. Se non fossero uscite le intercettazioni, non avrei lasciato…”

“Ultimamente ero stato pesantemente minacciato di morte, con lettere molto pesanti. Non ero sereno alla luce di questo e ho agito sbagliando”. Comincia così la conferenza stampa voluta da.

Commenta per primo!

“Ultimamente ero stato pesantemente minacciato di morte, con lettere molto pesanti. Non ero sereno alla luce di questo e ho agito sbagliando”. Comincia così la conferenza stampa voluta da Antonino Pulvirenti: l’ormai ex presidente del Catania ha incontrato i giornalisti a Torre del Grifo, dopo la bufera che investito il club etneo. “Ho detto le cose come stavano. Dovevo magari essere più forte in quelle circostanze, ma non ce l’ho fatta. Non avrei lasciato la società senza le intercettazioni telefoniche. La radiazione, per quanto riguarda la pena della giustizia sportiva, la reputo eccessiva – aggiunge Pulvirenti -. Io a conoscenza che il telefono fosse sotto controllo dopo la denuncia? Io non sono un investigatore, non so queste cose. Non sapevo di essere intercettato“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy