Catania-Messina 2-1: le pagelle del match

Catania-Messina 2-1: le pagelle del match

Commenta per primo!

Vittoria sofferta per il Catania di Moriero che doma nel finale un volitivo Messina. Buone notizie per il tecnico etneo che ritrova un attacco pimpante e capace di regalare tre punti fondamentali per classifica e morale.

Liverani 5,5 – Risponde presente sul destro di Tavares ad inizio ripresa, poi però subisce in maniera statica il gol del pari di Gustavo.

Nunzella 6 – Tanti errori in fase di impostazione, ma ci mette tanto impegno e grinta. Moriero cerca l’equilibrio e il terzino limita le proiezioni offensive.

Bastrini 6 – Amuleto. Quando gioca il Catania non perde, anzi. Un motivo valido per meritare a prescindere la sufficienza.

Bergamelli 5,5 – Il gol del Messina evidenzia un leggero errore di posizionamento ed una lettura non precisa. Nonostante ciò regge l’urto avversario con le unghie e con i denti.

Garufo 5,5 – Stesso discorso fatto per Bergamelli in occasione del gol subito. Con grinta e determinazione cerca di tamponare e ripartire. Spesso lo fa in maniera confusionaria, ma si sente la sua presenza in campo.

Di Cecco 5,5 – Non riesce a interdire come vorrebbe Moriero e spesso la personalità che dovrebbe garantire al centrocampo viene meno. La sua sostituzione ed il cambio di modulo rendono più incisiva la manovra.

Lupoli Senza voto: non per il limitato minutaggio, ma per l’apporto quasi nullo.

Musacci 6 – Non è una prestazione memorabile, ma il ritorno in campo dopo una doppia bocciatura non era facile. Lui ci mette geometrie e voglia ma non è sempre preciso. Alla fine il Catania vince, e va bene così.

Castiglia 6,5 – Ancora non è al cento per cento, ed è per questo motivo che merita mezzo punto in più rispetto agli altri. Stringe i denti e soffre sia nel centrocampo a tre che nello schieramento a due. Fondamentale la sua crescita per tutta la squadra.

Falcone 5,5 – Molto dinamico, ma anche molto fumoso. Pochi spunti da sottolineare e una vivacità nell’uno contro uno ancora da ritrovare.

Russotto 7 – Il migliore dei suoi. Corre e sgomita cercando di creare la superiorità numerica e questa,finalmente, è la volta giusta. Bravo e puntuale nell’aggredire lo spazio lasciato dalla difesa avversaria e nel superare con un preciso diagonale Berardi. Uomo in più e nuovamente decisivo.

Calil 6,5 – Ritorno al gol. Questo era quello che contava. Per il resto non c’è tanto tempo, ma forse basterà.

Ferrario s.v.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy