Catania-Messina 2-1: le pagelle del match

Catania-Messina 2-1: le pagelle del match

di Redazione, @Mediagol

Vittoria sofferta per il Catania di Moriero che doma nel finale un volitivo Messina. Buone notizie per il tecnico etneo che ritrova un attacco pimpante e capace di regalare tre punti fondamentali per classifica e morale.

Liverani 5,5 – Risponde presente sul destro di Tavares ad inizio ripresa, poi però subisce in maniera statica il gol del pari di Gustavo.

Nunzella 6 – Tanti errori in fase di impostazione, ma ci mette tanto impegno e grinta. Moriero cerca l’equilibrio e il terzino limita le proiezioni offensive.

Bastrini 6 – Amuleto. Quando gioca il Catania non perde, anzi. Un motivo valido per meritare a prescindere la sufficienza.

Bergamelli 5,5 – Il gol del Messina evidenzia un leggero errore di posizionamento ed una lettura non precisa. Nonostante ciò regge l’urto avversario con le unghie e con i denti.

Garufo 5,5 – Stesso discorso fatto per Bergamelli in occasione del gol subito. Con grinta e determinazione cerca di tamponare e ripartire. Spesso lo fa in maniera confusionaria, ma si sente la sua presenza in campo.

Di Cecco 5,5 – Non riesce a interdire come vorrebbe Moriero e spesso la personalità che dovrebbe garantire al centrocampo viene meno. La sua sostituzione ed il cambio di modulo rendono più incisiva la manovra.

Lupoli Senza voto: non per il limitato minutaggio, ma per l’apporto quasi nullo.

Musacci 6 – Non è una prestazione memorabile, ma il ritorno in campo dopo una doppia bocciatura non era facile. Lui ci mette geometrie e voglia ma non è sempre preciso. Alla fine il Catania vince, e va bene così.

Castiglia 6,5 – Ancora non è al cento per cento, ed è per questo motivo che merita mezzo punto in più rispetto agli altri. Stringe i denti e soffre sia nel centrocampo a tre che nello schieramento a due. Fondamentale la sua crescita per tutta la squadra.

Falcone 5,5 – Molto dinamico, ma anche molto fumoso. Pochi spunti da sottolineare e una vivacità nell’uno contro uno ancora da ritrovare.

Russotto 7 – Il migliore dei suoi. Corre e sgomita cercando di creare la superiorità numerica e questa,finalmente, è la volta giusta. Bravo e puntuale nell’aggredire lo spazio lasciato dalla difesa avversaria e nel superare con un preciso diagonale Berardi. Uomo in più e nuovamente decisivo.

Calil 6,5 – Ritorno al gol. Questo era quello che contava. Per il resto non c’è tanto tempo, ma forse basterà.

Ferrario s.v.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy