Catania-Catanzaro 3-1: le pagelle del match

Catania-Catanzaro 3-1: le pagelle del match

Commenta per primo!

Il Catania conquista la quarta vittoria consecutiva al Massimino, frutto di grande voglia e concentrazione. Bene gli esterni offensivi, con Di Grazia e Mazzarani entrambi a segno, ma la palma di migliore in campo va a Biagianti: capitano infaticabile e goleador.

Pisseri voto 7: nessun dieci come dice Lo Monaco, ma sicuramente un’altra prestazione di altissimo livello. Sicurezza assoluta.

Di Cecco voto 5.5: luci ed ombre, con qualche sbavatura e l’ingenuità da cui scaturisce la rissa che causa l’espulsione di Bergamelli.

Gil voto 5.5: impreciso e nervoso, il difensore brasiliano evidenzia anche qualche calo di concentrazione di troppo come quello in occasione dell’espulsione.

Bergamelli voto 5.5: l’espulsione doveva essere evitata

Djordjevic voto 6.5: stantuffo inesauribile, anzi sì a causa dell’infortunio. Fino a quel momento uno dei migliori in assoluto

Parisi voto 6,5: ordinato e attento in un secondo tempo molto teso.

Biagianti voto 7,5: gol, assist e grinta da vendere. Passano le partite, passano gli anni, ma il rendimento di Biagianti è sempre lo stesso.

Bucolo voto 6,5: partita scorbutica in cui il centrocampista rossazzurro si cala senza timore. Gioca in maniera semplice, senza strafare ed è questa la sua forza.

Fornito voto 6: pulito, poco da aggiungere.

Di Grazia voto 6,5: fino al gol non incide e sbaglia tanti palloni. La rete del 3-1 è la ciliegina sulla torta e merita la standing ovation del Massimino.

De Santis s.v.

Paolucci voto 6.5: tanta corsa e lotta per il numero nove che non segna, ma apre gli spazi per gli inserimenti dei compagni. Non è ancora il vero Paolucci, ma con il Catanzaro è apparso un giocatore utile.

Mazzarani voto 7: entra in tutte le azioni da gol dei rossazzurri. E’ l’ago della bilancia per quanto riguarda la fase offensiva e se lui gira tutto diventa più facile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy