Catania-Bari 2-3: le pagelle della partita

Catania-Bari 2-3: le pagelle della partita

Le pagelle ai giocatori del Catania dopo la sconfitta in casa per 2-3 contro il Bari.
.

Commenta per primo!

Le pagelle ai giocatori del Catania dopo la sconfitta in casa per 2-3 contro il Bari.

Anania 5 – Due interventi prodigiosi su Caputo e poi il disastro. Gravi colpe in occasione del raddoppio pugliese con un’uscita a vuoto che lascia la porta sguarnita per il tap in di De Luca.

Garufi 4,5 – Ha il doppio alibi di essere un giovane e per di più totalmente adattato. Non si capisce perché Sannino lo preferisca a Parisi in un ruolo non suo e contro un avversario ostico come De Luca. Sbaglia sul secondo e terzo gol dimostrando errori di posizionamento.

Garufi s.v.

Peruzzi 4,5 – Non è un centrale, ma determinati errori non sono accettabili. Tiene in gioco De Luca in occasione del terzo gol e appare impacciato e nervoso. A completare la frittata l’inutile cartellino giallo che lo costringe ai box per il prossimo match.

Sauro 4,5 – Doveva essere lui a guidare il pacchetto arretrato, ed invece offre ancora una prestazione negativa. Poca personalità e tante ingenuità. Ancora deve ambientarsi? Ritornello troppo inflazionato.

Monzon 5 – Sbaglia tanto anche oggi, ma non è una novità. Dal suo lato prende il via l’azione dell’1-2 e in generale appare sempre passivo nell’affrontare i diretti avversari. In fase di spinta si propone spesso,ma sbaglia puntualmente l’ultimo tocco.

Escalante 6,5 – Mezzo punto di incoraggiamento per il mediano argentino all’esordio in un ruolo delicato davanti la difesa. Partita ordinata e volitiva, corre e lotta, di più non si può chiedere.

Rosina 7 – Terzino, mezzala, bomber. È l’ultimo a mollare ed il primo a stringere i denti. Freddo dagli undici metri e caldo in mezzo al campo nel gestire palla e compagni. Peccato che non si possa clonare.

Martinho 5 – Ha il merito di procurare il rigore del momentaneo pareggio, ma nell’economia dei 90 minuti è troppo incostante. Palla al piede può fare la differenza, ma non nel traffico del centrocampo.

Chrapek s.v.

Leto 4,5 – Difficile commentare la prestazione del numero 11. Nel primo tempo qualche sprazzo, ma a prevalere è sempre l’incostanza e l’atteggiamento indisponente sia dentro che fuori dal campo. Sannino non gliele manda a dire, chissà se arriveranno provvedimenti.

Marcelinho 6,5 – Prima presenza da titolare per l’esterno brasiliano che sembra dotato di personalità da vendere. Da sottolineare un tiro al volo e il rigore procurato, di certo è più concreto e ficcante sia di Castro che di Leto.

Calaiò 6,5 – Solita partita sofferta per l’attaccante palermitano che sgomita e sfiora un gran gol d’esterno con il pallone che impatta sulla traversa.

Barisic 5 – Macchinoso e poco ficcante. Sannino gli chiede di affiancare Calaiò in avanti, ma il suo peso offensivo non si avverte. La situazione non è facile e lui si fa inglobare nella spirale negativa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy