Catania-Frosinone 1-2: le pagelle del match

Catania-Frosinone 1-2: le pagelle del match

Disfatta interna per il Catania di Marcolin che al ‘Massimino’ cade sotto i colpi di Dionisi e Ciofani. A salvarsi solo Mazzotta e Castro, mentre il centrocampo risulta incapace di arginare lo.

Commenta per primo!

Disfatta interna per il Catania di Marcolin che al ‘Massimino’ cade sotto i colpi di Dionisi e Ciofani. A salvarsi solo Mazzotta e Castro, mentre il centrocampo risulta incapace di arginare lo strapotere fisico avversario. 

Gillet 5,5 – Non può nulla sul gol del pari di Dionisi, forse qualche responsabilità in più sul raddoppio di Ciofani, ma non era facile intervenire dopo il rimbalzo della sfera sul terreno. Annichilito come tutto il Catania.

Belmonte 5 – Prova a spingere ma non incide e dal suo lato arrivano i pericoli maggiori. Nè carne nè pesce.

Schiavi 4,5 – Dionisi e Ciofani sono due attaccanti mobili e ficcanti, ma il centrale va in difficoltà senza riuscire a trovare le giuste misure. Errori individuali causati da leggerezza e approssimazione.

Ceccarelli 5 – Non commette disattenzioni, ma non è il giocatore visto nelle altre uscite. Troppo titubante e poca personalità.

Mazzotta 6,5 – L’unico che realmente cerca sempre di spingere con continuità e determinazione è l’esterno ex Cesena. Suo l’assist per Castro, ma predica spesso nel deserto.

Sciaudone 4,5 – Il giocatore che ha subito la più evidente involuzione è proprio lui. Non si inserisce senza palla e non riesce a fare filtro come vorrebbe il suo tecnico. Inspiegabile cosa gli sia successo.

Chrapek s.v.

Rinaudo 5 – Nel secondo tempo è in balia delle folate avversarie. Sbaglia come sempre appoggi facili, ma non è un regista e lo si sapeva.

Coppola s.v.

Martinho 5 – Quarantotto minuti sono bastati per capire che questo non può essere il vero Martinho. Impreciso e avulso dal gioco, il brasiliano rimane una delle tante incognite di questa stagione. 

Escalante 5 – Rispolverato da Marcolin, il numero otto non riesce a verticalizzare e si limita spesso a spazzare. Poco utile e molto confusionario.

Rosina 5 – Stellone imposta la partita su di lui, ed ha ragione. La gabbia funziona eccome, riuscendo ad arginare totalmente il numero dieci avversario.

Castro 6,5 – L’ultimo a mollare. Segna e cerca di inventare assist per i compagni. Nel secondo tempo si innervosisce e perde la testa. 

Maniero 5 – Da un attaccante come lui ci si aspetta molto di più. Poco incisivo e spuntato, viene contenuto con facilità dagli avversari. Unico guizzo è il rigore procurato, peccato che il signor Pasqua la pensi in maniera differente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy