Casertana-Catania 0-0 editoriale: vi ricordate Steven Bradbury?

Casertana-Catania 0-0 editoriale: vi ricordate Steven Bradbury?

Il Catania approda ai play off con un pareggio a reti bianche. Adesso attesa per l’inizio della fase ad eliminazione diretta, ricordando il Campione Olimpico che da sfavorito trovò il titolo su un piatto d’argento…

Commenta per primo!

Alla fine, con le unghie, con i denti e con un po’ di fortuna, il Catania ha raggiunto i play off grazie al pareggio maturato sul campo della Casertana. I classici ultimi novanta minuti di campionato con l’orecchio teso verso gli altri campi e l’inquietante attesa della necessità o meno di darsi battaglia. Non è stata necessaria, infine, perchè la formazione campana e quella etnea sono approdate a braccetto alla fase ad eliminazione, grazie però alla vittoria del Fondi sul Catanzaro che ha condannato la Fidelis Andria.

Incroci e cabala che hanno permesso ai rossazzurri di evitare di accostare l’aggettivo fallimentare a questa stagione. Certo il girone di ritorno non è stato all’altezza e probabilmente il Catania degli ultimi mesi non si merita una chance di poter ambire alla promozione, ma il dado è tratto. Mazzarani e compagni sono giunti alla fase finale, e adesso il passato non conta, così come conterà forse poco la perspicacia invocata da mister Pulvirenti contro la Casertana. Adesso servirà cuore, grinta e soprattutto un bel po’ di fortuna.

Ve lo ricordate Steven Bradbury? Campione olimpico di pattinaggio sul ghiaccio sfruttando solo ed esclusivamente le cadute degli avversari. Sfavorito, palesemente limitato rispetto agli avversari, ma molto molto fortunato e alla fine trionfatore. Del resto quello che conta, ciò che si ricorda è l’obiettivo raggiunto, non come tu ci sia arrivato. Ed è quello che potrebbe succedere anche al Catania, una squadra non bella, con tanti limiti fisici e caratteriali, ma che è lì e si deve far trovare pronta davanti ad episodi favorevoli.

Contro la Juve Stabia non ci saranno calcoli da fare: per passare il turno il Catania deve vincere. Il regolamento parla chiaro e pone i rossazzurri davanti all’ennesimo bivio. Stavolta però c’è poco da perdere, il pubblico è già stato deluso dalla stagione e questa amarezza è stata somatizzata. Non ci sono aspettative e di conseguenza non c’è grande pressione. Non resta che vedere cosa succederà, senza considerare il passato, i meriti e le critiche: l’unica cosa che conta è il risultato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy