Pres. Aldovisi, Moscuzza: “Santiago Rosales? È come rapito dal procuratore, non so perché non abbia accettato il Benfica”

Pres. Aldovisi, Moscuzza: “Santiago Rosales? È come rapito dal procuratore, non so perché non abbia accettato il Benfica”

Il patron del club argentino analizza la situazione legata al giovane esterno offensivo.

Commenta per primo!

Intervenuto ai microfoni di Radio Brisas, il presidente dell’Aldovisi, José Moscuzza, ha analizzato gli scenari relativi al futuro di Santiago Rosales, esterno argentino ritenuto ad un passo dal Palermo non più tardi di qualche settimana fa.

Caso Santiago Rosales, pres. Aldosivi: “Il suo agente stringe per portarlo al Palermo? Può dire ciò che vuole, le cose stanno così”

“Non so dirvi perché Rosales non abbia accettato l’offerta del Benfica, il giocatore è come ‘rapito’ dal procuratore, e noi non possiamo far nulla, non riusciamo neanche a contattarlo. Tuttavia, Santiago ha un contratto in essere con noi, e non capisco quale sia la motivazione che lo porti a comportarsi in questo modo. Tutto quello che dice Oller – procuratore del calciatore, ndr – non corrisponde a verità: vi è un contratto in essere con l’Aldovisi fino al 2018. Ad oggi c’è un altro club pronto a tentare l’affondo decisivo per Rosales. River? Si, i millonarios vorrebbero acquistare il ragazzo. Che il procuratore di Santiago venga in sede a metterci la faccia. Questo Oller non è mica il titolare del cartellino dell’attaccante la società non ha mai negato la possibilità di negoziare riguardo al contratto. In conclusione, tengo a precisare che chi vorrà acquistare il calciatore, dovrà parlare con me”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy