Calciomercato Palermo, Sorrentino frena Zamparini: “Nessun accordo per il mio rinnovo”

Calciomercato Palermo, Sorrentino frena Zamparini: “Nessun accordo per il mio rinnovo”

In conferenza stampa il portiere-capitano dei rosanero ha frenato gli entusiasmi del presidente che gli ha proposto un contratto biennale fino al 2018.

1 Commento

Niente accordo, niente fumata bianca per il portiere para-tutto del Palermo. Mentre i tifosi rosanero si mobilitano sui social con l’hashtag #SaveSorrentino per urlare a gran voce il rinnovo, Zamparini nelle dichiarazioni pubbliche appare sicuro della sua offerta. Stefano, invece, prende tempo senza sollevare polemiche.

“Io ho già deciso: per me Sorrentino sarà il portiere del Palermo per altre due stagioni – ha detto il presidente – I tifosi hanno lanciato un movimento per la sua conferma? L’agente di Sorrentino mi ha detto che lo stipendio che ho offerto io al ragazzo per il rinnovo è superiore a tutte le proposte che ha ricevuto da altre squadre. E’ superiore anche allo stipendio di Padelli nel Torino. Io ho già deciso: per me sarà il portiere del Palermo per altre due stagioni. E’ lui che deve sciogliere le riserve. Sta aspettando solo di avere la certezza che la squadra resterà in A e poi firmerà. Il problema non è 20 mila euro in più o in meno”.

RINNOVO – Così la palla, o meglio, la patata bollente, è passata nelle mani del capitano rosanero: “In questi ultimi due mesi né io né il presidente, né il mio procuratore abbiamo pensato a parlare di contratto e di rinnovo. Ci sono altre priorità. Salvare il Palermo. Siamo in un momento decisivo, i singoli devono essere messi da parte, conta solo il Palermo“.

FUTURO – E che l’accordo sia stato raggiunto lo conferma lo stesso interessato che quindi non ne fa una questione economica, ma di progetto. Sorrentino oggi è nel pieno della sua maturità: in questa stagione ha compiuto vere e proprie prodezze, ha preso per mano i giovani e confusi compagni, e li ha tenuti a galla nonostante i terremoti causati dalle decisioni di Zamparini. Ora c’è da decidere il proprio futuro. Stefano sa che può dare ancora tanto, si sente in forma più che mai. Vorrebbe continuare a Palermo dove si trova benissimo, ma… C’è un “ma”… Il dubbio sta tutto nell’idea che si è fatto il presidente dei rosa. Zamparini guarda avanti e vorrebbe relegare Sorrentino in panchina, a far da chioccia ai baby portieri della squadra. L’esperto portiere, dal canto suo, non ne vuol proprio sapere di fare da comprimario perché sa che può giocare in Serie A ancora per qualche altro anno ad altissimi livelli. (CONTINUA SOTTO LE FOTO)

LA DECISIONE – “In questo momento ci sono molte cose più importanti del mio contratto – ha detto Sorrentino nelle parole raccolte da Mediagol.it – Ho un buon rapporto con Zamparini, devo ringraziarlo per tutto quello che ha fatto per me e per il Palermo. Prenderò la scelta più giusta. Non è una scelta economica: fosse stato un discorso economico, avrei già firmato col Palermo. Voglio giocare, non fare il secondo. Se devo stare in panchina, faccio l’allenatore. Poi, chiaramente, se viene preso un fenomeno di portiere, allora ben venga. Intanto la priorità è salvare il Palermo. Se avessimo perso a Carpi, saremmo stati nei guai”.

ESPERIMENTO UJKANI – Insomma, nella testa di Zamparini ci sarebbe nuovamente l’idea di riprovare anche nella prossima stagione l’esperimento fallimentare della stagione 2012/2013 fatto con Ujkani, il giovane portiere che fece sprofondare grazie anche alle sue papere il Palermo in Serie B. Con la differenza che in porta questa volta andrebbe non il portiere della nazionale albanese prima e kosovara poi, ma un giovanissimo di belle speranze e senza alcuna storia calcistica che Sorrentino dunque dovrebbe “formare”.

LIBERO DI FIRMARE – In tutto questo il Palermo gioca una corsa contro il tempo per non lasciarsi scappare un pezzo pregiato come Sorrentino. Sarebbe un sacrilegio. Il portiere di Cava de Tirreni, infatti, è in scadenza a giugno 2016, quindi per le norme attuali sarebbe libero di firmare già dal 2 febbraio scorso per qualsiasi altra squadra. Tenere in piedi ancora oggi la trattativa con l’intempestivo Palermo è ancora di più sinonimo di attaccamento alla maglia e alla città. E lui vorrebbe essere ricordato dai tifosi “come capitan Corini” – ha detto -. La strada ci sembra quella giusta.

LEGGI ANCHE: Sorrentino, conferenza integrale: “Tutto sul mio rinnovo, rifiutata offerta milionaria. Palermo nel caos? Abbiamo una certezza. Su Zamparini…”

LEGGI ANCHE: Zamparini, intervista integrale: “Stagione disgraziata, la verità su Schelotto. Bosi come Mangia, poi…”

LEGGI ANCHE: Zamparini, intervista integrale: “Sorrentino dei nostri fino al 2018, dubbio Vazquez. Schelotto, voglio l’Europa. Riprenderei Ventura”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 1 anno fa

    se va via non lo biasimo,visto che ha sempre sudato la maglia
    qui ormai siamo alla follia ..squadra con zero prospettive in balia delle paturnie di mz che pur di non ammettere i propri limiti visto che da quando ha deciso di fare tutto lui
    ha fatto i peggio danni con figure di melma a go go
    in una squadra di calcio è giusto badare ai conti ma non la puoi vedere come fosse una squallida azienda trasformandola in una rivendita di calciatori,e i risultati economici e sportivi lo dimostrano chiaramente
    basti paragonare i tempi di foschi e sabatini e pure lì non ce ne metteva di tasca

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy