Pres. Cagliari, Giulini: “Stadio obiettivo minimo, il futuro di Borriello…”

Pres. Cagliari, Giulini: “Stadio obiettivo minimo, il futuro di Borriello…”

Le parole in conferenza stampa del presidente del Cagliari, Tommaso Giulini.

Commenta per primo!

Il Cagliari è già pronto in vista della nuova stagione. Presentato quest’oggi il nuovo direttore sportivo: è Giovanni Rossi. Ad introdurlo alla stampa il presidente del club sardo, Tommaso Giulini.

“Siamo qui per presentare il nuovo ds e ufficializzare il rinnovo con il mister. Entrambi sono già al lavoro, si sono visti numerose volte e siamo riusciti a pianificare bene la prossima stagione – ha detto Giulini -. Il direttore mi ha proposto di rinnovare con Rastelli e mi ha trovato pienamente d’accordo, ci tenevo che si conoscessero. Ringrazio il Sassuolo per la sua disponibilità, il direttore Rossi sarà ufficializzato il primo di luglio ma ha già potuto iniziare a lavorare con noi”.

STADIO – “A livello societario l’obiettivo minimo è quello dello stadio e dovremmo esserci riusciti. Sportivamente gli obiettivi non cambiano, oggi la dimensione del Cagliari è simile a quella dell’anno scorso: arrivare decimi è come uno scudetto, quest’anno non ci siamo arrivati per un maledetto punto. L’obiettivo resta la salvezza, poi è ovvio che se fossimo capaci di vincere lo scudetto ne saremmo felicissimi“.

SU BORRIELLO – “C’è grande volontà sia da parte nostra che di Borriello per la prosecuzione, questo ci fa molto piacere“, ha detto da quanto evidenziato da CagliariNews24.

MERCATO – “La nostra strategia è quella di non avere eccessivi prestiti, Cagliari non è una piazza che faccia da chioccia e valorizzi per altri. Se c’è modo di far diventare un ragazzo una nostra proprietà è un altro discorso: mi viene in mente Miangue, andremmo avanti se con l’Inter nascesse la possibilità di farci arrivare al cartellino. Poi certo qualche prestito non è escluso ma non sarà quella la norma”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy