Cagliari, Rastelli: “Melchiorri ha realizzato un suo sogno. Fascia a Sau? Dovevo prendere una decisione”

Cagliari, Rastelli: “Melchiorri ha realizzato un suo sogno. Fascia a Sau? Dovevo prendere una decisione”

Il tecnico del Cagliari parla al termine del match vinto contro la Sampdoria.

Commenta per primo!

Un erroraccio di Viviano regala la vittoria al Cagliari di Rastelli nel Monday-Night della sesta giornata. Sampdoria ko e sorpassata in classifica.

Serie A: Viviano, liscio da paura. Il Cagliari festeggia il sorpasso sulla Samp, immagini e classifica

A parlare al termine del match è il tecnico del Cagliari, Massimo Rastelli. “E’ stata un’ottima prestazione, ho visto ciò che avevo chiesto alla squadra. Dovevamo cercare di verticalizzare al meglio perché la Samp è brava nel pressing a centrocampo. A mio avviso, sarebbe stato un peccato non portare a casa i tre punti“, le parole di Rastelli. “Ai ragazzi sto chiedendo di avere coraggio, di rischiare qualcosina: oggi l’abbiamo fatto bene e devo complimentarmi coi ragazzi. Stiamo crescendo e si vede. Joao Pedro? E’ uscito sfinito dal campo, mi serviva uno come Barella perché la Sampdoria aveva deciso di passare al 3-3-1-3. Cosa manca al ragazzo per fare il salto di qualità? E’ il classico attaccante che forse sa far meglio il centrocampista (ride, ndr). Lo stiamo ritrovando adesso perché l’abbiamo perso nel momento più importante della stagione per via di un infortunio“.

Di Gennaro regista – “Non è una mia invenzione, ma ho solo preso il progetto di Lopez e Marino prima ancora al Vicenza. E’ un centrocampista capace di dettare i tempi delle giocate. E’ uno di quei uomini che nei momenti di difficoltà riescono a ritrovare le energie introvabili. Così come Melchiorri. Per lui, Melchiorri intendo, è il coronamento di un sogno. Guardate l’esultanza: tutto il gruppo è con lui“.

Ultima chiosa sulla fascia da capitano passata da Storari a Sau: “Sono situazioni difficili. Sono l’allenatore e devo fare delle scelte per la serenità del gruppo. E’ stata una settimana intensa in cui si è parlato di tutto fuorché della partita. Ho dovuto richiamare all’ordine tutti e per farlo ho preso questa decisione. Come già detto, comunque, da parte del gruppo c’è unità e coesione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy