Atalanta, Freuler: “Non importa se giochiamo contro Palermo, Chievo o Roma. Daremo il massimo”

Atalanta, Freuler: “Non importa se giochiamo contro Palermo, Chievo o Roma. Daremo il massimo”

Il centrocampista dei bergamaschi si dice determinato in vista dell’impegno di domani sera: la sua squadra farà visita al Palermo nel match valido per la 34esima giornata di campionato.

Commenta per primo!

Domani la sfida al Palermo.

Ci sarà anche Remo Freuler, centrocampista svizzero classe ’92, nell’Atalanta di Edy Reja.

Palermo-Atalanta: i convocati di Reja, Pinilla rimane a casa

Palermo-Atalanta: le probabili formazioni. Ballardini torna al Barbera col rombo e Gilardino?

A poco più di ventiquattro ore dal match del Barbera (che sarà a porte chiuse, qui le motivazioni del mancato ricorso) l’ex Lucerna parla al Bergamo Post. “La Roma è una squadra molto forte, con Spalletti hanno ottenuto grandissimi risultati vincendo 8-9 partite nelle ultime 11 giornate. Penso che l’Atalanta abbia fatto una grande gara e personalmente sono contento perché penso di aver fatto il mio lavoro – le sue parole -. Ho cercato di giocare tranquillo, non faccio mai differenze di approccio in base agli avversari: per me giocare contro la Roma, il Chievo o il Palermo non fa alcuna differenza. Mi preparo e cerco di giocare con il possesso palla, tanta corsa e aiuto ai compagni in ogni situazione. Con la massima tranquillità“.

Pari con la Roma –Per me le partite sono tutte importanti, indipendentemente da chi ho di fronte. Certe sfide, come quella alla Roma, sono belle da giocare e si cerca di fare il massimo: io scendo in campo per quello, non per cercare di scambiare la maglia con gente come Totti, De Rossi o Perotti. Tra i giocatori della Roma, quello che mi ha impressionato di più è stato Nainggolan. Incredibile, è veramente troppo forte. Noi abbiamo giocato bene, pur iniziando con due gol presi in modo banale, abbiamo reagito con il cuore e abbiamo ribaltato tutto. Nel finale la Roma ha schierato in campo tanti giocatori offensivi, siamo anche stati sfortunati perché sul gol di Totti ci sono stati rimpalli e Gomez, sull’ultima conclusione, è arrivato con un pizzico di ritardo. Succede. Un vero peccato”, ha concluso l’ex calciatore del Grasshoppers.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy