Sassuolo, la Cina chiama Paolo Cannavaro: prima il ritiro e poi sarà il vice di Fabio al Guangzhou

Sassuolo, la Cina chiama Paolo Cannavaro: prima il ritiro e poi sarà il vice di Fabio al Guangzhou

Il difensore centrale del Sassuolo ed ex capitano del Napoli avrebbe già deciso: a gennaio l’addio al club neroverde per raggiungere il fratello in Cina…

Commenta per primo!

Tutto in famiglia.

La Cina chiama e Cannavaro risponde. Questa volta, però, al fascino dell’estremo Oriente potrebbe cedere anche Paolo, il più piccolo dei fratelli. Con il fratello maggiore Fabio, ovviamente, a fare da tramite. Ecco perché quella in corso potrebbe essere l’ultima stagione da giocatore di uno dei difensori che più siamo abituati a veder giocare nel campionato di Serie A. Esistono infatti delle concrete possibilità che il giocatore neroverde, Paolo Cannavaro, già a gennaio possa chiudere col calcio giocato per lanciarsi in una nuova avventura sportiva. L’ex difensore e capitano del Napoli, attualmente nella rosa del Sassuolo, potrebbe entrare a far parte dello staff del fratello Fabio che da pochi mesi è diventato l’allenatore del Guangzhou Evergrande, dopo aver sorprendentemente conquistato i playoff per la Champions asiatica alla guida del neopromosso Tianjin Quanjian.

Paolo Cannavaro ci sta ancora riflettendo per diversi motivi ma la possibilità c’è, anzi, sembrerebbe deciso ad intraprendere questa nuova esperienza. Tanto che il Sassuolo starebbe già cercando un sostituto per la stagione che verrà. Ancora non è certo, poi, il ruolo che il numero 28 neroverde potrebbe avere all’interno dello staff del fratello: vice allenatore o più semplicemente collaboratore tecnico. Magari un primo step per crescere e imparare alla corte di Fabio. Il loro però, non sarebbe il primo caso di due fratelli sulla stessa panchina. C’è, ad esempio, il precedente di Ronald e Frank de Boer che hanno condiviso l’avventura alla guida dell’Ajax qualche anno fa. Frank, da primo allenatore del club olandese, volle proprio suo fratello come assistente per la fase offensiva della squadra dove entrambi hanno giocato (e vinto) tanto insieme.

Il difensore centrale del Sassuolo andrebbe ad arricchire uno staff già tutto italiano, lo stesso che con Fabio Cannavaro ha dapprima conquistato la promozione nella prima divisione cinese e poi il risultato storico della conquista del posto utile per accedere ai preliminari della Champions asiatica. Ora al Guangzhou Evergrande gli obiettivi saranno decisamente più alti: il titolo è ormai un obbligo e uno stimolo da gestire bene, tutto in famiglia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy